Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Ancora Gasperini: “L’Atalanta ha bisogno di attaccanti da tempo”

valencia atalanta

Le parole del tecnico di Grugliasco in conferenza stampa

Gian Piero Gasperini si mostra soddisfatto del pareggio contro i campioni d’Italia, ma non lesina alcune dure stoccate, soprattutto all’ambiente e a come vengono trattate alcune tematiche dalla stampa in alcune circostanze: “L’importante è che ci sia fiducia, se tutte le volte è una polemica, succede sempre un macello, diventa un po’ più difficile, come nel caso delle cessioni. Per quanto mi riguarda avrei chiuso il mercato prima che finisse il campionato. Queste formazioni sballate, come molte volte testate vostre, danno la descrizione di un ambiente che non è così. Oggi era tutto pieno, ieri c’erano duemila persone, la descrizione è totalmente sballata. Domenica a Genova hanno giocato tre giocatori del settore giovanile, ma nessuno l’ha sottolineato. Lo scorso anno ci sono tanti episodi sfavorevoli al VAR, nessuno ha detto niente, questo ambiente aggiustatevelo voi, quello che descrivete voi non è l’Atalanta. So che nessuno ce l’ha con l’Atalanta, ma date delle versioni che non sono vere, localmente di più. Lo stesso vale quando viene sostituito un attaccante: in quale squadra non escono gli attaccanti? Possibile che sia così difficile da vedere? Basta, cambiate atteggiamento”.

MALINOVSKYI “Ha preso un brutto colpo in allenamento, la contusione l’ha tenuto in dubbio. Ieri eravamo preoccupati, fiduciosi già da stamattina. Mi sarebbe dispiaciuto perché chissà cosa si sarebbe detto, probabilmente che ci saremmo inventati un infortunio… Alla fine ha potuto giocare. Comunque Ruslan ha giocato anche a Genova, con me ha sempre fatto tante partite, mentre in altre ha giocato Muriel”

BISOGNO DI PUNTE DAL MERCATO  “Lo rispiego perché qualcuno fa fatica a capire: l’Atalanta ha bisogno di attaccanti, lo dico da anni. Da quando abbiamo perso il Papu e Ilicic non abbiamo avuto ricambi in quel ruolo. Poi Ruslan si è adattato, così come Pessina, e dando un contributo fantastico. Credo che quando ci sono certi tipi di partite l’allenatore pensa che ci vogliano giocatori con caratteristiche più offensive. Queste situazioni ci hanno spesso condannato in un certo tipo di partita. Se questo è nelle possibilità dell’allenatore, senza fare nomi e senza chiedere, visto ho sempre rispettato tutti, se questo succederà mi ancora riconoscerò nel ruolo. Altrimenti vorrà dire che Bergamo è diventata troppo difficile. Per fortuna non mi rivolgo a tanti di voi, per fortuna poi la risposta è quella del pubblico di stasera, che non legge quelle che sono le interviste e le dichiarazioni che ci sono sui giornali”.

DJIMSITI “Siamo preoccupati perché è interessato il perone, ha preso un calcione. Temiamo la fortuna, ma speriamo che sia solo una forte contusione. Temiamo ci sia frattura. Ha molto dolore e non riesce ad appoggiare il piede”.

UN BUON PARI  “L’Atalanta mi ha sempre dato delle risposte, non ha mai sbagliato atteggiamento. Ogni tanto ha difficoltà di organico, ho visto cambiare quattro attaccanti al Milan, noi negli anni di Champions non siamo riusciti a rimpiazzare. Mi sono scocciato di fare questa richiesta degli attaccanti, non riesco a far passare il messaggio, bisogna combattere con questa filosofia, vuol dire che non sono credibile nel chiedere quello che serve. E’ un limite mio, evidentemente non sono bravo a farmi prendere i giocatori”.

IL GOL DI BENNACER “Siamo rimasti un po’ distratti, effettivamente ci ha un po’ sorpreso. Non posso essere rammaricato, con tante risorse, sono dispiaciuto perché cominciavamo ad avere più spazi, stava maturando anche la vittoria, contro questo tipo di squadre può cambiare l’episodio, poi hanno messo tanta fisicità”.

PIOLI E L’ATALANTA DA SCUDETTO  “Il tecnico rossonero ci vede come concorrenti del Milan? Va bene, io accetto i complimenti. Sappiamo di essere una buona squadra, ma se voi mi chiedete un’Atalanta che lotta per lo Scudetto avete qualche problema proprio a livello di valutazione. Non è mettere le mani avanti, ma per me è una valutazione completamente sbagliata. Poi noi faremo il massimo, ma non posso chiedere ai miei questo, sarei un pazzo. Ma è fuori da ogni logica. Poi non è vero che l’Atalanta non ha mai vinto, è una bufala. Le italiane sono 20 anni, Roma a parte, che non vincono in Europa. Se poi parlate di portare la Champions tutti gli anni e vincere lo Scudetto deve venire un altro allenatore più bravo”.

PAGLIUCA  “Pagliuca? Non gli ho chiesto l’attaccante, ma la società avrà un gran futuro, ma spero che presto possiate conoscerlo. Garantirà il futuro assieme alla famiglia Percassi, mi spiace che qualcuno di voi non l’abbia dipinto nel modo più corretto”.

CONDIZIONE FISICA “Sotto quell’aspetto siamo a posto, anche stasera abbiamo fatto bene, siamo sicuramente a posto, ma non mi sono mai lamentato nemmeno quando dovevamo giocare le coppe”.

ARRIVO DI UNA PUNTA  “So che stavamo lavorando, ci sono stati profili importanti, ma forse non era l’anno giusto. Alcuni erano giovani, altri nomi più importanti. Il MIlan ha cambiato quattro attaccanti”.


29 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

29 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News