Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Di Bello e quel brutto precedente

Contro il Torino il bancario brindisino ha una sola direzione all’attivo. E il bilancio con Di Bello è ampiamente sfavorevole ai nerazzurri

Il Monza, per bocca dell’owner Silvio Berlusconi, dopo la caduta casalinga con l’Udinese l’ha ribattezzato Di Brutto per significare che ne pensa. Ma anche da queste parti i flash del recente passato dicono maluccio. Bruno Peres nel finale del primo tempo, Maxi Lopez in avvio di ripresa, punizione di Luca Cigarini con Marten de Roon spedito anzitempo sotto la doccia dal secondo giallo e buonanotte. Torino, 10 aprile 2016: il 2-1 granata è l’unico precedente diretto da Fabio Di Bello tra i granata e l’Atalanta. E le previsioni su come andrà giovedì sera a campi invertiti per la quarta giornata del campionato di serie A 2022-2023 sono un po’ inficiate dal bilancio delle contendenti col fischietto brindisino, decisamente sfavorevole ai nerazzurri.

DI BELLO E IL BRUTTO PRECEDENTE. Fosse solo l’unico scontro fra le due squadre arbitrato dal quarantunenne bancario il problema. I bergamaschi l’ebbero due volte la scorsa stagione e furono due ko ad aggiungersi agli altri cinque, a fronte di sei vittorie e tre pareggi (QUI il dettaglio). Un 3-2 e un 3-1 ambedue subìti al Gewiss Stadium, altro pessimo segnale: il 3 ottobre dell’anno scorso nella partita col Milan, in cui tra l’altro si ruppe Matteo Pessina, e il 3 aprile scorso contro il Napoli.

DI BELLO E IL TORINO. Il designato per il turno infrasettimanale non dirige invece il Toro dal maggio dell’anno scorso, ovvero due campionati fa, nell’1-1 all’Olimpico col Benevento. Il bilancio delle partite arbitrate sorride agli avversari del 1° settembre, che si presentano a Bergamo forti di 4 vittorie su 11 partite arbitrate con 5 pari e solo due remoti ko contro Napoli e Roma. Chissà cosa resterà di quello scontro tra Giampiero Ventura ed Edoardo Reja.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News