Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

De Roon, la chioccia in mezzo all’Atalanta del futuro

Il tulipano della mediana è sempre lì, a un passo dalle trecento presenze in nerazzurro, a dare equilibrio ed esperienza tra molti giovani promettenti

Si parla di Soppy, Lookman, Hojlund, Ederson e le altre novità di un’Atalanta pimpante nel presente e proiettata nel prossimo futuro, ma l’equilibrio e l’esempio sono tutti in una chioccia trentunenne che in mezzo al campo, parafrasando il suo estimatore primo Gian Piero Gasperini, viaggia ancora che è un piacere. Marten de Roon non è certo un segreto, visto il suo apparire nell’annata piena di Edy Reja in panchina. Forse, scrive L’Eco di Bergamo, la diga nerazzurra vale più come simbolo di una squadra sottovalutata eppure in testa.

DE ROON, IL PONTE COL FUTURO. Se il suo tecnico, scherzando ma non troppo, ha invitato più volte a clonarlo, perché dove lo metti sta, vedi ricicli non infrequenti da terzo di difesa soprattutto nella scorsa stagione, l’olandese continua a remare gagliardo in mediana col traguardo delle 300 partite davanti in una squadra di cui è il leader senza galloni (ma ormai vicecapitano incontrastato dietro Toloi). Gliene mancano 33, in Europa ha pareggiato il gemello diverso Remo Freuler a quota 40, in assoluto si sta avvicinando a Vavassori (270), Stromberg (273) e Ferron (294).

DE ROON E GLI OLANDESI A MONZA. La diga di Zwijndrecht, che delle annate del Gasp a Bergamo ha saltato solo la prima essendo stato sdoganato al Middlesbrough dove peraltro retrocesse inopinatamente, è anche in grado di allentare la tensione nello spogliatoio con la sua fama di battutaro internettiano. Vedi il meme sugli “olandesi che vincono a Monza”, dal suo Instagram, sperando che nel weekend ce la faccia anche Verstappen. Salvo poi rimangiarsi tutto fingendosi tifoso della Ferrari come qualche compagno che aveva storto il naso: “Quando sei olandese, ma ti dimentichi che giochi in Italia”.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News