Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

A scuola dal Gasp: anche Mancini e Simeone ora difendono a tre

L’esempio del tecnico atalantino e di Conte: la difesa a tre sempre più diffusa. Vantaggi e svantaggi della virata

Antonio Conte, che però all’inizio della carriera in panchina non l’adottava, e Gian Piero Gasperini, nei secoli fedele, hanno fatto scuola. Il focus odierno della Gazzetta dello Sport intende dimostrare i vantaggi della difesa a tre, cui sono passati di recente il Cholo Simeone e perfino il ct azzurro Roberto Mancini. Ma tutto, secondo la Rosea, avrebbe preso le mosse dal 3-5-2 del Brasile di Sebastiao Lazaroni visto a Italia ’90 con Gomes-Galvao-Mozer in linea.

LA DIFESA A TRE. Il luogo comune sfatato è che il terzo difensore, un “libero” quando ormai si stava passando dalla marcatura a uomo alla zona, avrebbe tolto un uomo all’impostazione. Ma erano in tre anche i difensori dell’Italia di Enzo Bearzot trionfatrice a Spagna ’82, mediana a zona e Bruno Conti a tutto campo. Il tecnico leccese l’ha scoperta alla Juventus dopo anni di 4-2-4- e 4-3-3. La realtà è che coi “braccetti”, nella concezione moderna del terzetto arretrato, si sostiene l’azione e si spinge di più, vedi lezione del Gasp, oltre ad attirare il pressing alto mettendo così a rischio la retroguardia avversaria.

A TRE COL GASP. L’allenatore dell’Atalanta, invece, non hai mai cambiato idea, dalle giovanili della Juventus all’Atalanta passando per Crotone, Genoa, Inter e Palermo. E non ha contagiato certo solo l’allievo ed ex scudiero in campo Ivan Juric. In Italia anche Simone Inzaghi professa lo stesso credo, cui s’è convertito anche José Mourinho. Simeone c’è passato arretrando il mediano Witsel. Il neo esonerato dal Chelsea Tuchel e Nagelsmann al Bayern adottano gli stessi principi, come Galtier al PSG e spesso anche Allegri alla Juve. La lista si allunga con Deschamps (Francia), Southgate (Inghilterra) e Mancini (Italia), aggiuntisi a Olanda e Belgio.

LA DIFESA A TRE. Nel passato c’erano Nevio Scala con Grun-Minotti-Apolloni, Alberto Zaccheroni nell’Udinese e nel Milan scudettato alla fine del secolo scorso. La difesa a tre pura è del Barça di Cruijff anni 90, spesso con un solo difensore centrale di ruolo. La più difensivista ha tre stopper, vedi Barzagli, Bonucci e Chiellini. La variante è lo sganciamento di uno dei tre per creare superiorità numerica in mediana. Il modello? Toloi con Gasperini. Uno che la spiega a tutti. Anche a Tuchel, che l’ha fatto con Rudiger a Londra prima di essere licenziato.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News