Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

L’inedito Marcenaro e il Var Abisso, quello del 4-1 (e di Gasp espulso) nel post pandemia

Corsi e ricorsi della storia del confronto: al Var si accomoda lo stesso del 4-1 del 21 giugno 2020, la ripresa post prima ondata

Per il centoquindicesimo compleanno societario ecco un trentenne, anzi nemmeno visto che le candeline andranno rigorosamente spente il 9 novembre, col fischietto in bocca, e il poco più esperto (36enne il 22 novembre) Rosario Abisso a correggerne eventuali sviste dalla regia. L’arbitro Matteo Marcenaro avrà come supporto un Var che sa il fatto suo, tra l’altro curiosamente presente nello stesso ruolo nel recupero della venticinquesima giornata il 21 giugno 2020 al Gewiss Stadium di Bergamo in uno degli Atalanta-Sassuolo più famosi: il 4-1 della ripresa post prima ondata pandemica, dopo più di 100 giorni senza calcio.

ABISSO, QUELLO DEL 4-1. L’allenatore Gian Piero Gasperini, nell’occasione, ci rimise la panchina: cacciato al 27′ del secondo tempo dopo aver protestato per l’on field review, la quarta della serie, su un contatto Defrel-Palomino con tocco di braccio involontario del difensore nerazzurro, sbilanciato dal francese. “Lasciatelo arbitrare!”, l’urlo del tecnico a favore del padovano Chiffi che però non la pensò così cacciandolo. Il primo dei casi da moviola della giornata (kick off alle inedite 19) fu invece al 18′ del primo tempo portando all’annullamento del gol del Papu Gomez in scivolata, perché sul cross di Duvan Zapata ci fu (ci sarebbe stato?) un tocco seppur involontario con la mano di Robin Gosens, intromessosi nella traiettoria.

MARCENARO, UN INEDITO COL FISCHIETTO. Il fischietto della sezione di Genova, a livello pro, è un inedito per i bergamaschi ma non per i neroverdi, conosciutolo ai tempi dell’’1-1 casalingo con l’Udinese il 7 maggio scorso: a Scamacca rispose Nuytinck. Tra Primavera e Under 17, invece, i precedenti non mancano. Tre vinte e una persa per l’Under 19 atalantina, tutte fuori casa, dal 3-2 al Verona del 14 ottobre 2017 con doppietta di Musa Barrow al 4-1 a Bologna del 15 dicembre 2019 (Diallo, Italeng, Heidenreich su sponda di Okoli e rigore di Guth), passando dal ko per 2-1 con l’Inter (Piccoli) l’11 gennaio 2019 al “Breda” di Sesto San Giovanni e dal 6-2 al Chievo il 20 aprile dello stesso anno (Colpani, doppiette di Cambiaghi e Kulusevski, Peli). Per il Sassuolo, il 3-1 al Torino al Filadelfia il 19 maggio 2019 con doppietta di Raspadori e, andando indietro nel tempo un pari con l’Entella ma in Under 17 l’8 febbraio 2015.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
calciomercato

Sondaggio: come dovrebbe comportarsi l’Atalanta dopo la pubblicazione delle intercettazioni?

Ultimo commento: "Dalle intercettazioni emergono situazioni poco chiare, a parte parzialmente e in modo non inequivocabile le plusvalenze fittizie. L'aspetto rilevante..."

La voce dei tifosi: a gennaio almeno 4 dovrebbero salutare

Ultimo commento: "Boga via e buona fortuna. Ma il buco è in mezzo al campo senza il miglior Freuler perdiamo partite a raffica . Serve comprare un centrocampista..."
Brescia-atalanta

Sondaggio a risposta secca: a Gasperini pieni poteri sul mercato, sì o no?

Ultimo commento: "Ok ma importante che rinforzi il centrocampo perché mancano incontristi puri capaci di aggredire e recuperare palloni invece che lasciar giocare..."

Altro da Approfondimenti