Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gasperini-Atalanta, un matrimonio eccezionale

Atalanta gasperini

Libero dedica un approfondimento al tecnico dell’Atalanta e al rapporto con il club, che dura da oltre sei anni

“Sono sei anni, quattro mesi e quattro giorni che Gian Piero Gasperini siede sulla panchina dell’Atalanta. Più del doppio rispetto a Stefano Pioli (3 anni e 9 giorni), secondo nella classifica degli allenatori al momento più longevi della serie A”. Inizia così l’approfondimento che Libero dedica a Gasperini e all’Atalanta, sottolineandone la longevità del rapporto fra tecnico e club. “Gasp è un caso limite. Secondo l’ultimo rapporto del CIES, la permanenza media degli allenatori in Italia è 384 giorni, poco più di un anno”.

RIVOLUZIONE GASP. “Pochi mesi fa, quando l’Atalanta chiudeva la peggior stagione nell’era Gasperini si pensava che il ciclo fosse definitivamente chiuso. Invece il tecnico ha avuto la straordinaria capacità di accantonare il pensiero e trovare nuove motivazioni nella routine bergamasca chiedendo alla società un mercato movimentato che prevedesse l’addio di alcuni perni del vecchio corso (Pessina, Freuler, Ilicic, Gosens) e l’arrivo di giovani coerenti con il proverbiale gioco intenso e aggressivo”.

GIOCATORI DA ALLENARE. “Gasperini infatti ora può contare su giovani formati in vivai solidi come quello di Red Bull (dal Lipsia proviene Lookman) o del Copenaghen (Hojlund, seppur via Sturm Graz). A questi si sono aggiunte le novità della serie A (Soppy dall’Udinese e Ederson dalla Salernitana) e le primizie del vivaio di Zingonia, Okoli e Scalvini, che Gasp aveva bisogno di avere in rosa per trovare una nuova motivazione nel suo lavoro a Bergamo. Con tutti questi nuovi talenti a disposizione, il mister ha trovato nuovo pane per i suoi denti. Diamanti grezzi da levigare, la sua specialità, ed è tornato a divertirsi come un pazzo”.

METODO ATALANTA. “Anche il metodo-Atalanta contribuisce ad allungare il ciclo di Gasperini. Ogni estate, il club rinnova di un anno il contratto del mister, mantenendo una stagione di margine sulla scadenza. È un modo furbo per evitare destabilizzanti voci di addio e, di contro, mantenere la durata del contratto limitata, così da poter intervenire in caso di crisi. In Italia, solo il 15% degli allenatori dura più di due anni alla guida della stessa squadra”.

GASP VERSO I RECORD. “Ha superato per longevità Nevio Scala al Parma (1989-1996), Garbutt al Napoli (1929-1935) e Boskov alla Sampdoria (1986-1992), ha raggiunto il Nereo Rocco bis al Milan (1967-1974) e si avvicina alle otto di Herrera all’Inter (1960-1968) e Carlo Ancelotti in rossonero (2001-2009) e alle dieci di Trapattoni alla Juventus (1976-1986)”. 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News