Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La Repubblica – False fatturazioni, chiesto un anno per De Laurentiis e Percassi

Richieste pene superiori all’anno anche per Galliani e l’agente Alessandro Moggi

La procura di Napoli ha ieri condotto la requisitoria relativa al processo legato a presunte operazioni inesistenti legati alla compravendita di calciatori. Per tutti si indaga sull’ipotesi di false fatturazioni nella gestione dei rapporti fra i club e gli agenti dei calciatori negli anni fra il 2009 e il 2014. Analizza nello specifico la questione La Repubblica di oggi.

La pena più severa, due anni e otto mesi di reclusione, è stata chiesta per Alessandro Moggi, agente di calciatori e figlio di Luciano, l’ex potente dirigente della Juventus travolto nel 2006 dallo scandalo Calciopoli. I pubblici ministeri Capuano e De Simone hanno analizzato anche le posizioni di Aurelio De Laurentiis e Antonio Percassi, presidenti di Napoli e Atalanta, a cui è stata, al momento, affibbiata una richiesta di un anno di reclusione. Tra gli indagati figura anche l’ex amministratore delegato del Milan Galliani, mentre è stata chiesta l’assoluzione, tra gli altri, per l’ex patron viola Della Valle e per Claudio Lotito.

IL MECCANISMO DELLA TRIANGOLAZIONE  Il Tribunale ipotizza il reato di “utilizzo di fatture relative a operazioni soggettivamente inesistenti” per il meccanismo in base al quale l’agente del calciatore, al momento di una compravendita, figurava nella veste, ritenuta fittizia, di consulente della società. In sostanza, pur curando gli interessi dell’atleta, appariva ai fini fiscali come un collaboratore del club che acquistava il giocatore. In questo modo, la società deduceva i costi e detraeva l’Iva, l’atleta intascava lo spettabile al netto. Il procuratore, al tempo stesso, incassava la sua parte e concludeva l’affare.

I pm hanno chiesto la prescrizione per i fatti commessi fino 2011, non per quelli risalenti ai periodi successivi. Inoltre, fino al giorno prima della firma del contratto, l’agente del calciatore risultava manager dell’atleta in questione, per poi agire le vesti di consulente del club. Accuse che andranno provate, dopo addirittura quattro anno di indagini, nei prossimi tre gradi di giudizio. La prima sentenza è stata fissata, salvo rinvii, al prossimo 2 febbraio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News