Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Paratici e l’Atalanta: un filo biaconerazzurro da Bergamo a Londra

juventus

Sotto la lente degli inquirenti, ormai non solo torinesi, le operazioni concluse dall’attuale responsabile di mercato del Tottenham

Il sistema delle plusvalenze per taroccare i bilanci, o almeno così la pensano i pm torinesi, sull’asse tra Juventus e Atalanta ha sempre viaggiato a bordo della macchina dell’ex responsabile di mercato bianconero Fabio Paratici. Chi vuole vederci chiaro deve proseguire fino alla destinazione Londra: sia Cristian Romero che Dejan Kulusevski, seppure a percorsi inversi tra le due parti, sono andati a parare al Tottenham, portati lì proprio dal dirigente una volta cambiato club.

PARATICI: DA BERGAMO A LONDRA. Al netto della scrittura privata, la “lettera” che ove resa nota equivarrebbe a un “falso in bilancio” stando all’intercettazione di Luca Percassi, amministratore delegato nerazzurro, probabilmente una garanzia per l’effettiva conclusione della vendita del difensore argentino, le due vicende sarebbero speculari. Sotto la lente d’ingrandimento dell’indagine Prisma, i cui atti sarebbero già stati trasmessi alle Procure della Repubblica di Genova e Bergamo per competenza territoriale, Paratici le avrebbe gestite secondo gli stessi canoni. Partendo da Torino per finire Oltremanica.

ROMERO, KULUSEVSKI E IL FILO BIANCONERZZURRO. El Cuti fu pagato dalla Juve al Genoa 26 milioni per poi essere ceduto in prestito biennale a 4 più 18 di riscatto ai bergamaschi, che a loro volta l’hanno prestato con diritto di riscatto a 50, non venduto, agli Spurs. La famosa “lettera” farebbe invece sospettare ai magistrati che si sia trattato di una cessione mascherata. L’interesse della società di Zingonia, che spesso spalma i crediti su più anni d’esercizio ed è una tra le non molte a livello professionistico a chiudere i bilanci al 31 dicembre anziché al 30 giugno quando le stagioni agonistiche hanno termine anche sotto il profilo contrattuale, è abbattere gli utili per evitare di pagarci le tasse tutte in una volta. Tutto fuorché un comportamento illecito. Per lo svedese di sangue macedone, invece, venduto a Paratici a 35 milioni più 9 di bonus, in termini di plusvalenze chi indaga sospetta che Simone Muratore, acquisito dall’Atalanta per 7 milioni, sia stato una sorta di “sconto” con riflessi ovvi sui bilanci delle controparti. Il centrocampista scuola Juve è al Tondela, nella B portoghese, dopo essere stato in prestito anche alla Reggina.

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News