Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Auguri a De Patre, 47 volte atalantino tra il Mondo e Giorgi

L’ex centrocampista oggi compie cinquant’anni, ha giocato in Serie A con le maglie di Atalanta, Cagliari e Lecce

47 presenze in due stagioni più coda autunnale intervallate dal prestito al Monza e il gol al Como, nell’1-1 di San Silvestro sotto la Curva Sud, un diagonale di rara bellezza e potenza, per dirla alla Sandro Ciotti, appoggiato da sinistra da Mindo Madonna. Tiziano De Patre, centrocampista mancino di Notaresco (Teramo) che al compimento del cinquantaquattresimo anno d’età fa l’allenatore… indovinato, del Notaresco, da calciatore in carriera annovera una parentesi nel reparto piuttosto affollato di Emiliano Mondonico, prima, di Piero Frosio e Bruno Giorgi poi. Partecipando alla cavalcata in Coppa Uefa fino ai quarti con l’Inter con 4 gettoni. Il festeggiato di oggi, domenica 18 dicembre, fra quanti hanno vestito la maglia dell’Atalanta, non è stato certo un signor nessuno.

DE PATRE TRA IL MONDO E GIORGI. Non doveva essere facile ritagliarsi uno spazietto tra i vari Bonacina, Stromberg, Prytz, Fortunato, Bordin e Nicolini, ma per uno che tendeva alla fascia o comunque ad allargarsi qualche spiraglio si apriva. Prima di Bergamo (1988/89, 1990-lista di novembre ’91), per il prodotto di casa sua, anche Giulianova e Messina. In seguito, Venezia, Sambenedettese, Pescara, di nuovo in A tra Lecce e Cagliari, ancora in riva all’Adriatico da Delfino, Ancona e Giulianova-bis con ritiro trentaseienne.

DE PATRE DAL CAMPO ALLA PANCHINA. Divenuto allenatore, al di qua dell’area tecnica Tiziano, due volte Nazionale Under 21, è arrivato al massimo a fungere da vice di Giampiero Ventura in una breve parentesi nel 2019 alla Salernitana. Svezzato tra Allievi, Primavera e prima squadra tra il giallorosso vicino a casa e il Parma, s’è poi seduto sulle panchine di Chieti, Samb, Ancona e Italia Under 19 di serie D. Fra le due precedenti esperienze, lui che dov’è nato e cresciuto c’è tornato davvero. 397 partite e 33 palloni in porta non si dimenticano. Come la vicenda bergamasca condita dall’illusione di averla vinta grazie a un suo acuto in area di rigore. Tanti auguri.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News