Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Compleanno in campo per Hans Hateboer, quello della doppietta al Valencia

L’esterno atalantino spegne 29 candeline proprio il giorno del posticipo di Bologna della diciassettesima giornata di serie A

Dopo la panchina con lo Spezia, il sogno del compleanno in campo col Bologna. L’elongazione al collaterale sinistro è ormai un ricordo per Hans Hateboer, che spegne 29 candeline proprio il lunedì del posticipo della diciassettesima giornata al “Dall’Ara”. Anche i profili ufficiali dell’Atalanta fanno gli auguri al pendolino olandese, che in vita sua ha avuto soltanto un’altra squadra, fino all’estate del 2017 in cui fu prelevato dai nerazzurri.

HATEBOER E I GOL AL VALENCIA. Dei suoi 11 gol (più 19 assist) in 206 partite nerazzurre (5 in 111 nei biancoverdi), l’esterno nato a Beerta ricorderà con malinconia la doppietta al Valencia nell’andata degli ottavi di finale di Champions League a Milano il 19 febbraio 2020. L’ultimo, invece, risale all’ultima (fin qui) vittoria in campionato dei bergamaschi in stagione, a Empoli, il 30 ottobre. Il 23 gennaio 2021, nel tris al Milan a San Siro, evidentemente uno stadio da gioie e dolori, l’infortunio al piede sinistro che riapre una vecchia cicatrice costringendolo a due serie da 18 partite perse a cavallo delle precedenti due stagioni fino all’operazione doppia per la microfrattura al quinto metatarso: 24 agosto e, per stabilizzarla, il 23 settembre dello stesso anno.

HATEBOER, COMPLEANNO IN CAMPO. Piedi non proprio educatissimi, Hateboer, atalantino dal 31 gennaio del 2017 a 5 mesi dalla scadenza contrattuale col club d’origine, è nondimeno una scheggia dalle grandi doti fisiche e atletiche, bravo a tamponare come a spingere. Il debutto, quando a destra il re era ancora Andrea Conti, risale al 19 marzo 2017 fornendo l’assist al Papu Gomez a Bergamo contro il Pescara. Il 9 agosto 2018 la sua prima rete bergamasca in Europa League, terzo turno preliminare, in casa dell’Hapoel Haifa. Il 20 successivo, infine, il battesimo del fuoco in A col Frosinone. Figlio di André e Anita Hateboer, che gestiscono un bed & breakfast in patria, è il figlio di mezzo tra Koen (’91) e Thijs (’95), ambedue calciatori dilettanti. E da ragazzo, prima di vincere la Coppa dei Paesi Bassi nel 2015, sognava di fare il dirigente d’azienda. Buon per lui che ci ha ripensato. Tanti auguri.

19 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

19 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
gasperini

Atalanta “non da Europa”, l’esito del sondaggio: presto per gli obiettivi

Ultimo commento: "Se pressiamo costanti costanti senza fiato sugli avversari in possesso palla senza lasciargli altra soluzione che il lancio lungo allora non può che..."

La voce dei tifosi: a gennaio almeno 4 dovrebbero salutare

Ultimo commento: "Hai ragione Pinocchio! Per fortuna non fanno parte della società. A parte che non ne hanno le qualità. Sarò sempre grato a questa società che ci..."
Brescia-atalanta

Sondaggio a risposta secca: a Gasperini pieni poteri sul mercato, sì o no?

Ultimo commento: "Da non farselo sfuggire , comprarlo !!!"
calciomercato

Sondaggio: come dovrebbe comportarsi l’Atalanta dopo la pubblicazione delle intercettazioni?

Ultimo commento: "Se (anzi, senza se) l'Atalanta è grande, lo anche grazie a lui!!!"

Altro da News