Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Juventus-Atalanta 3-3, le PAGELLE NERAZZURRE

Lookman è incontenibile, Scalvini è il manifesto dell’idea di calcio di Gasperini

Nella notte di Torino, Juventus a Atalanta danno vita a un match ricco di gol ed emozioni. Questi i nostri giudizi ai giocatori nerazzurri dopo il triplice fischio:

Musso 6: incolpevole sui gol subiti, il resto è la classica ordinaria amministrazione.
Toloi 6: complessivamente non gioca una brutta partita, ma non si può ignorare l’anticipo subito da Milik in occasione del raddoppio bianconero che rischia di costare carissimo e ne compromette il giudizio.
Palomino 6: inizia con la garra giusta ma deve uscire dopo un quarto d’ora per infortunio (15′ pt Demiral 6: l’emozione dell’ex non lo colpisce, anzi, forse difetta di eccessiva sicurezza in qualche occasione).
Scalvini 7: attento dietro e determinato in avanti. Il modo in cui aggredisce la difesa avversaria e dà il via all’azione del 2-2 è un manifesto dell’idea di calcio di Gasperini.
Hateboer 6: pochi spunti offensivi anche perché dalla sua parte fa tutto Lookman. Lui arretra il raggio di manovra e sceglie la sostanza piuttosto che la forma.
De Roon 6.5: sarebbe curioso vedere i dati del suo gps perché l’olandese corre avanti e indietro, a destra e a sinistra per permettere alla squadra di mantenere le distanze giuste.
Ederson 5.5: sufficiente la prova dalla mediana in su, ma nella propria metà campo mette in mostra i limiti che conosciamo già (37′ st Djimsiti sv).
Maehle 6.5: inizia la gara avvertendo un problema fisico che forse lo condiziona. Non la condizione ideale quando devi affrontare un certo Di Maria. Ha il merito di non mollare e la rete del pari cambia il volto alla partita (37′ st Ruggeri sv).
Lookman 8: due gol e un assist, ma anche tanto altro all’interno di un match dall’altissimo livello di difficoltà. È l’uomo in più in casa della Dea e l’ha dimostrato ancora una volta.
Hojlund 7: non segna, ma fa vedere tutto il bagaglio in un grande attaccante. Lotta per i compagni, crea spazio e in mezzo all’attacco nerazzurro è un riferimento fondamentale (37′ st Muriel sv).
Boga 6: quando ha il pallone tra i piedi dà spesso la sensazione di poter essere pericoloso. Difetta in continuità, è vero, ma la sua crescita è costante (20′ st Pasalic 6: entra per dare fisicità alle squadre).
Gasperini 7: l’Atalanta non vince per qualche sbavatura di troppo, ma l’imposta che il tecnico dà alla squadra è da big e dopo certe prestazioni è difficile non pensare che l’Europa (e la Champions) non siano un obiettivo alla portata.

13 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche