Resta in contatto

News

L’Europa riparte da Benevento

Sul campo del fanalino di coda i nerazzurri devono iniziare a correre senza fermarsi più. I tre punti latitano da troppo: 9 punti in 3 partite rilancerebbero la volata

Benevento, mercoledì 18 aprile, ore 18: i blocchi di partenza, sulla pista della cenerentola della A che ne è anche il fanalino di coda, della rincorsa a perdifiato dell’Atalanta all’Europa League. A dare i numeri per illustrare il senso della sfida è L’Eco di Bergamo. I nerazzurri non vincono dalla vigilia di Pasqua con l’Udinese e in tre match hanno raccolto solo 2 punti con Spal e Inter, perdendo lo scontro diretto con la Samp. Coi giallorossi, al “Vigorito”, una trasferta che precede i barrage casalinghi con Torino e Genoa, coi granata che ospitano stasera stessa i rossoneri per giocarsi le residue speranze di aggancio alla zona dei sogni.

LA PROVA DEL NOVE. Il Sannio è a metà del secondo trittico consecutivo, ma un bottino pieno seguito da due interni sarebbe la nona sinfonia del rilancio sullo spartito di coppe. L’ostacolo più ingombrante è Cheick Diabaté, 7 gol in 6 allacciate di scarpe, un quarto del totale (28) di squadra, 19 meno dei bergamaschi, ma il contraltare è la peggiore difesa: 75, 2 e mezzo circa a match. Il 9 è ricorrente nelle statistiche quanto la cifra tonda che lo segue: nelle ultime 10 partite con le neopromosse, 8 vittorie atalantine, 0 ko e 0 reti subìte in 7 occasioni; nelle ultime 10 del corrente campionato lontano dalle Mura Venete, sconfitta solo con la Juventus e 6 vinte su 9.

FURORE, PETAGNA E GOMEZ. Roberto De Zerbi contro Gian Piero Gasperini, ovvero furore come atteggiamento a prescindere di chi non ha niente da perdere e dovere di ragionarci su, dopo aver sprecato le energie sabato sera contro gli Spalletti-boys in un tempo solo. Torna Petagna davanti insieme a Gomez largo e con Barrow a rientrare nei ranghi, mentre dietro la squalifica di Toloi propone Mancini come soluzione obbligata. Tema tattico, 4-3-3 contro 3-4-1-2 virante a 3-4-3, con terzino sinistro o mediano basso altrui privo di avversario diretto negli uno contro uno cari al Gasp.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News