Resta in contatto

News

Auguri a Maurizio Codogno, il jolly della difesa

Tra i mastini più quotati nel calcio di provincia anni settanta-ottanta, a Bergamo il brembatese giocò due annate su quattro da titolare. In B…

2, 3, 5. Quando a destra non c’era Gianpaolo Rossi, quando basso dall’altra parte non giocava Giorgio Magnocavallo, quando a fare da stopper non c’era Daniele Filisetti. Il primo in ordine d’anagrafe dei due festeggiati atalantini del 22 settembre, Maurizio Codogno, appartiene a un’epoca in cui si marcava a uomo e non sempre il numero di maglia equivaleva a un abbonamento stagionale. Il difensore di Brembate di Sopra, che compie 64 anni, fece di fatto il titolare nel biennio in B ’82-’84 propedeutico al ritorno al piano di sopra, fra Ottavio Bianchi e Nedo Sonetti. Sotto il piombinese, anche il 4 sulla schiena, nonostante lo preferisse terzino destro. Poi, in A, tantissima panchina, perché a chiuderlo ci sono anche Carlo Osti e Roberto Soldà.

VIAGGIO PER L’ITALIA. Codogno, fisico solido e asciutto, ricci d’ordinanza, comincia a fare sul serio diciannovenne al Treviso in serie D proseguendo il discorso alla Pro Vercelli, dove nel 2009 è stato nominato responsabile dell’attività di base, alla Ternana dal ’77 e quindi a Modena in C1 prima di farsi desiderare sotto le Mura. Lì, una stagione interlocutoria nella Dea neopromossa dall’inferno del terzo campionato professionistico e quindi la cavalcata verso il rientro sul palcoscenico più prestigioso, dove i colori nerazzurri mancavano da un quinquennio.

IL SEGUITO. Lasciata Bergamo per Arezzo nell’estate del 1986, dopo 68 presenze senza segnare di cui 12 in A, 4 in Coppa Italia e altrettante nell’Anglo-Italiano, il brembatese appende le scarpe al chiodo a quota 36 dopo il triennio al Novara. Dal 1995 al 2003 ha allenato a sprazzi la Pro, il Pavia, la Valenzana e il Casale. Tanti auguri.

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News