Resta in contatto

News

Gasperini: “Non possiamo ambire alla lotta scudetto. Ilicic? In questo momento non fa parte dell’organico”

Il tecnico dell’Atalanta ha parlato della stagione passata e di quella futura, sottolineando l’assenza di Ilicic

L’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini in conferenza stampa a Zingonia ci tiene subito a mettere in chiaro i reali obiettivi della sua Atalanta:”Sento tanti che fanno delle previsioni in questo senso, ma per noi non possono essere così. Non possiamo porci obiettivi come la lotta per lo scudetto o la semifinale di Champions, questi obiettivi sono nella fantasia giornalistica”.

TUTTO DA ZERO. “Non voglio più sentire parlare degli ultimi quattro anni e dei record, che esistono per essere battuti. Io sono per ricominciare da zero: ogni campionato fa storia a sé, va verificato solo giocando se e per quali obiettivi saremo competitivi. Chi sta fermo e pensa solamente a ripetersi, alla fine torna indietro”.

MIGLIORARCI.“Il campionato e la stagione ci impongono di migliorarci, ovvero arrivare ad avere un organico più forte o migliorare le prestazioni. Sono pochissime le squadre che possono partire con questi obiettivi, ma abbiamo l’impegno e l’onere di ripartire al meglio. Poi ci sono anche degli avversari, agguerriti. C’è chi vuole confermarsi, ma anche superarci. Noi dobbiamo comunque guardare in casa nostra, dobbiamo fare il meglio possibile”. 

PREPARAZIONE. “Abbiamo un piccolissimo gruppo e con questo stiamo iniziando, anche se le condizioni sono diverse. In linea di principio vogliamo fare una preparazione simile agli scorsi anni. Dobbiamo cercare di arrivare bene al termine della preparazione, per la prossima sosta delle nazionali”.

MERCATO. “Il mercato si chiude il 5 ottobre, ma noi giochiamo prima. Abbiamo la necessità di inserire giocatori che hanno avuto dei problemi fisici. Dobbiamo capire l’infortunio di Gollini e di Freuler, mentre Gomez ha recuperato. Non credo che sarà facile inserire immediatamente dei giocatori, vedremo”.

VOGLIA DI SORPRENDERE. “Tutti hanno la possibilità di migliorare. Credo che in questo momento il nostro target di punti è quello, è stato il nostro massimo. È difficile fare valutazioni in questo senso, lo scorso anno ci sono state delle squadre che si sono staccate. Dipenderà anche dalla stagione, se ci sono più squadre coinvolte. Non dobbiamo pensare a un obiettivo, ma dobbiamo presentarci con le nostre caratteristiche. Dobbiamo presentarci con la stessa voglia di sorprendere. Dobbiamo non sottovalutare come ripartirà il calcio, abbiamo finito senza pubblico e giocando ogni tre giorni. Purtroppo ripartiremo così: è un tema che lascia molte incertezze”.

ILICIC. “Aspettiamo la prossima, al momento non fa parte dell’organico, lo aspettiamo”. 

MIRANCHUK.Miranchuk è stato individuato come sostituto per la defezione di Ilicic, anche se non è il vice Ilicic: una figura che chiedevo prima della scorsa stagione, la sua assenza l’abbiamo tamponata fino a un certo punto. Il russo è giovane, bravo, ha un infortunio da valutare che non dovrebbe portargli via più di qualche settimana: non bisogna aspettarsi che abbia un impatto immediato”.

ROMERO.Romero non è ancora nostro: la società si sta muovendo. Se arrivano novità e ulteriori energie, tanto di guadagnato. Dobbiamo migliorare in tutti i reparti, specie in attacco dove manca un’alternativa: la società sta facendo l’impossibile per migliorare la squadra. Il finale dello scorso campionato ci ha visti concludere un po’ impiccati, 13 partite filate in 40 giorni. Due elementi in più servono: da ottobre in poi, con la coppa, si torna a giocare ogni tre giorni. Nessuno riesce ad avere due squadre e nel turnover ci credo poco: cambiano cinque-sei giocatori ogni volta per dare minutaggio a tutti è l’antitesi della ricerca del miglior rendimento”.

HATEBOER.Non è affatto vero che siamo quelli che corrono di più, siamo nella media. Le dichiarazioni di Hateboer (15 agosto, a Voetbal International: diceva di voler andare via perché arrivato a fine ciclo a Bergamo, ndr) sono state molto brutte, ho apprezzato quelle di Toloi e del Papu, che hanno detto di voler ripartire per essere più forti di prima e rappresentano lo spirito che ci contraddistingue. Fare confronti e vivere di gloria è molto pericoloso per un gruppo”.

PESSINA.Pessina deve recuperare dall’infortunio alla rotula, ma non è in mezzo al campo che siamo carenti”.

RECORD DI PUNTI.La scorsa stagione abbiamo fatto il record di punti con un ottimo girone di ritorno: il nostro target è quello, intorno agli 80 punti. Cambia di anno in anno: due annate fa eravamo tutti più vicini, in quella appena finita siamo saliti fino a 78. Ci presentiamo con la stessa voglia di essere protagonisti e di continuare a sorprendere”. 

CINQUE CAMBI.Inizialmente ero contrario ai cinque cambi, anche se mi hanno aiutato: ero sfavorevole perché tante sostituzioni aprono troppo le partite e gli spazi in campo”.

CHAMPIONS.Essere ancora dentro la Champions è un motivo d’orgoglio e di soddisfazione: resta un po’ male per come è finita dopo il novantesimo nel quarto come il Paris Saint-Germain. Per com’è finita ci deve ancora rodere un pochino”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano Casa
Stefano Casa
29 giorni fa

Gasperini su Hateboer ha ragione. Le sue parole non sono state affatto piacevoli, anzi stonavano dopo quello che l’Atalanta ha fatto in questi anni e vista la riconoscenza che hanno sempre avuto i tifosi nei confronti della squadra e dei singoli. Ora è inutile far passare tutto in cavalleria, Hans si scusi innanzitutto con Bergamo, faccia un serio esame di coscienza e decida se vuole restare qui aldilà degli interessi economici oppure se preferisce andare a far panchina in una cosiddetta big, come se la Dea non lo fosse. In questo caso sono certo che la Dirigenza troverebbe sicuramente un… Leggi il resto »

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Anche io ho cominciato a seguire la dea in coppa delle coppe e da allora nn ho più smesso di seguirla nonostante le bufere di calcioscommesse. Mondo..."
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Ciao mister sono ambo amboni francesco mi hai allenato a Verdello in Eccellenza ti ricordi sei grande un abbraccio"
bonacina

Valter Bonacina

Ultimo commento: "Un vero tifoso della Dea sa perfettamente che si chiama "V"alter !!!"

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News