Resta in contatto

News

Emiliano Mondonico avrebbe compiuto 74 anni: il nostro ricordo

festa della dea

È stato prima giocatore e poi allenatore dell’Atalanta: con lui memorabili le sfide in Coppa delle Coppe e in Coppa Italia

Sono stati centinaia, se non migliaia, i personaggi che sono passati nella storia dell’Atalanta. Dirigenti, calciatori e allenatori: qualcuno è stato meteora, altri (pochi a dire il vero) sono diventati miti grazie a quello che hanno dato in campo o in panchina, ma in una piazza come quella di Bergamo, conta moltissimo quello che si è stati a livello umano. Per questo oggi è doveroso ricordare ricordare un vero mito della storia nerazzurra: Emiliano Mondonico. L’ex tecnico della Dea, infatti, avrebbe spento proprio oggi 74 candeline.

Emiliano Mondonico, l’asso di coppa

Nato e cresciuto a Rivolta d’Adda, indossa i colori nerazzurri prima come calciatore, nella stagione 1971-1972 (con due sole presenze in Serie A) e successivamente come allenatore in due parentesi: dal 1987 al 1990 e dal 1994 al 1998. I primi tre anni furono esaltanti: alla prima stagione ottenne immediatamente la promozione in Serie A, ma soprattutto fu alla guida della squadra che sfiorò l’impresa in Coppa delle Coppe. Nelle successive due stagioni, con lui in panchina, la squadra ottenne un sesto e un settimo posto con la qualificazione alla Coppa UEFA. La seconda parentesi si ricorderà soprattutto per la cavalcata in Coppa Italia della stagione 1995-96, conclusa, purtroppo, con una sconfitta nella doppia finale contro la Fiorentina di Claudio Ranieri.

Emiliano Mondonico, il nostro ricordo

Mondonico è stato un bravo tecnico, un personaggio istrionico e un uomo in grado di farsi amare in tutte le piazze in cui è stato. Diretto, talvolta duro, ma estremamente determinato e concreto, soprattutto devoto alla causa. Dopo una lunga malattia, che ha combattuto anche in questo casso con grande coraggio e dignità, ci ha lasciati il 29 marzo 2018, ma per tutto il popolo nerazzurro il “Mondo” è sempre qui col suo sorriso ironico, lo sguardo attento e l’Atalanta nel cuore.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "è ancora sicuro di ciò che ha scritto, ora che siamo all'ultima partita di campionato?"
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da News