Resta in contatto

News

Gasperini alla vigilia: “Rispetto per l’Everton, in Europa i valori di Bergamo”

Entusiasmo sì, timori reverenziali no. E si gioca con due pedine in meno nello scacchiere, Ilicic e Gosens, da rimpiazzare con Kurtic e Castagne adattato a sinistra. È il succo della conferenza stampa prepartita di Gian Piero Gasperini, nel tardo pomeriggio al Mapei Stadium di Reggio Emilia, alla vigilia dell’esordio della sua Atalanta nel girone E di Europa League contro l’Everton.

Atalanta in Europa a 26 anni dall’ultima partita, nei quarti di finale Uefa con l’Inter della primavera del 1991. “Affrontiamo questa avventura con curiosità e rispetto ma anche tanta fiducia, possiamo contare su un seguito importante e non ci poniamo limiti. Per l’Everton parlano i risultati, anche se siamo consapevoli dei nostri mezzi. Ma oltre al Lione c’è l’Apollon Limassol che non è la cenerentola del caso”.

Le logiche del girone. “Si tratta di una competizione che prevede inizialmente una miniserie di sei partite, impossibile ragionare in termini di gara secca. Non è come nel campionato italiano dove ci conosciamo tutti: in Europa League ci tocca affrontare realtà inedite e questo comporta un necessario adeguamento”.

Rooney, la stella in forse. “Non ho notizie su di lui, a me piacerebbe che ci fosse perché ha fatto la storia del calcio inglese. Confrontarsi con giocatori di questa levatura è sempre un piacere e regala stimoli”.

Defezioni sul fronte nerazzurro. “Durante gli ultimi due giorni abbiamo dovuto rinunciare a Gosens e Ilicic ma abbiamo lo stesso soluzioni valide (Castagne e Kurtic, ndr). Purtroppo mancano due giocatori nello stesso ruolo sulla sinistra: per Gosens è una cosa passeggera, Spinazzola ne avrà almeno per un’altra settimana. Ovviamente ho deciso la formazione ma non la dico”.

Il Gasp e l’Europa League, un déjà vu. “Col Genoa mi ero qualificato due volte, ma due anni fa non avevo potuto giocarmela. Quelli che hanno vissuto il precedente periodo nelle coppe a Bergamo possono fare raffronti meglio di me, nonostante il calcio sia cambiato anche soltanto a livello di regole: il comune denominatore è l’entusiasmo, portiamo in Europa i valori di questo ambiente e della nostra gente”.

Il calore dei tifosi: in 12 mila circa da Bergamo. “È vero che per questa edizione casa nostra non sarà Bergamo e siamo costretti a giocare praticamente sempre in trasferta, però dobbiamo sforzarci di mantenere l’attenzione su quello che accade in campo, sui giocatori avversari, senza farci condizionare da altri fattori”.

I Percassi. “Rappresentano il presente e il futuro, di Bergamo e dell’Atalanta. La continuità e la sicurezza, dallo stadio al settore giovanile: sono la cosa migliore per che potesse capitarci. Non a caso ho prolungato fino al 2020 alla fine della scorsa stagione, quella che ci ha consentito di essere qui a suon di record”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News