Resta in contatto

News

Costanzi e l’eredità di Favini: “Un compito carico di aspettative”

costanzi

Mino Favini è stata da sempre una presenza silenziosa, minuta, ma sempre in prima linea in mezzo al campo. Stare con le mani in mano non gli è mai piaciuto e ha sempre insegnato ai suoi allievi nonché giovani calciatori di casa Atalanta l’importanza dello studio delle tecniche del campo quanto quella delle materie scolastiche per passare la maturità e prendere il diploma. Questi gli ingredienti del suo vivaio che da Bergamo hanno fatto scuola in tutto il mondo. Un’illustre e pesantissima eredità raccolta con costanza, e il nome già dice tutto, da Maurizio Costanzi, responsabile da quattro anni a questa parte del settore giovanile nerazzurro, intervistato da Tuttosport.

Com’è raccogliere l’eredità di un monumento del calcio giovanile?
“La responsabilità di un settore giovanile come quello dell’Atalanta è un compito emozionante ed estremamente gratificante; ci sono tradizione, storia e anche aspettative”.

È più importante il predominio del pallone o la formazione teorica?
“Fino a una certa età privilegiamo la formazione, però è inutile fare gli ipocriti: si gioca per vincere anche quando si fanno le partite di calcetto tra amici, quindi…Poi, certo, in Italia l’attenzione è troppo spostata sui risultati a scapito della formazione e dell’insegnamento (…). Nel calcio di oggi la prestazione atletica abbinata alla tecnica è fondamentale. Potremmo sintetizzare così: didattica e tenuta agonistica devono essere abbinate”.

Quanto è importante il radicamento con il territorio?
“È un aspetto importantissimo, a cominciare dalla dirigenza, ma solo non può bastare: serve un continuo re-investimento attraverso lo scouting di nuovi calciatori, e l’Atalanta è da sempre all’avanguardia in questo senso”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Arctos sports partners

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Colpa di Musso solo sua ci ha buttato nel cesso almeno 6 punti per essere indulgenti"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Il 67% di voi è soddisfatto della campagna abbonamenti

Ultimo commento: "Certamente sì molti " morti di fame" hanno la memoria corta ... vorrebbero nello stadio quasi nuovo entrare da portoghesi , non vi stanno bene i..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Gosens aveva difeso il Papu. Aspettavano solo l'offerta giusta per cederlo"

Altro da News