Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Passione stadi: il Dall’Ara di Bologna

bologna

La redazione di CalcioAtalanta vi porta alla scoperta della storia dei principali stadi italiani. Stavolta è il turno di Bologna

Lo stadio Renato Dall’Ara è il maggiore impianto sportivo della città di Bologna ed è intitolato alla memoria di Renato Dall’Ara, presidente del Bologna deceduto tre giorni prima del vittorioso spareggio valido per lo scudetto 1963-64 tra lo stesso Bologna e l’Inter. Situato nel quartiere cittadino denominato Saragozza, a circa 6 km dal centro, ospita regolarmente le partite casalinghe degli emiliani.

È considerato uno dei campi migliori in Italia e in Europa, assieme allo stadio Artemio Franchi di Firenze, per la straordinaria qualità drenante e compattezza del manto erboso. La curva Andrea Costa è intitolata a Giacomo Bulgarelli, storico giocatore rossoblù, scomparso il 12 febbraio 2009 mentre dalla parte dei distinti centrali si trova il simbolo dello stadio: la Torre di Maratona. La curva San Luca è intitolata ad Arpad Weisz, storico allenatore della squadra, ucciso dai nazisti in un campo di concentramento durante la seconda guerra mondiale. E’ l’undicesimo stadio italiano per capienza.

LA STORIA – Il “Littoriale” nacque come il primo vero stadio italiano e fu modello per quelli che seguirono. Fino ad allora, infatti, gli stadi comunemente intesi erano campi con tribune montate su un’impalcatura. Il 12 giugno 1925 fu posata la prima pietra dell’edificio, voluto da Leandro Arpinati, vicesegretario del Partito Nazionale Fascista e in seguito podestà di Bologna e presidente della FIGC.  Il 29 ottobre 1926 Arpinati poté fissare la data di “fine lavori”, circa un anno dopo la posa della prima pietra. Due giorni dopo, la mattina del 31 ottobre 1926, davanti a tutte le autorità cittadine, lo stadio Littoriale fu inaugurato da Benito Mussolini, il quale entrò scenograficamente nell’impianto in sella al suo cavallo.  Il 29 maggio 1927, di fronte a circa 55 000 spettatori, il Littoriale fu inaugurato con l’incontro internazionale di calcio tra Italia e Spagna, alla presenza del re Vittorio Emanuele e all’infante Alfonso. La domenica successiva, 5 giugno, anche il Bologna, fino ad allora ospitata allo Sterlino, debuttò al Littoriale battendo il Genoa 1-0 con goal di Giuseppe Martelli.

L’impianto fu costruito con il nome di “Stadio Littoriale”. La sua capacità era di 50 100 posti e i suoi muri, realizzati con il tipico mattone rosso e le finestre ad arco, lo rendevano un edificio eccezionale per l’epoca. Un’ulteriore nota di carattere fu aggiunta con la costruzione della torre di Maratona, completata nel 1929, nel settore opposto alla tribuna coperta. Sul pennone della torre fu collocata una statua rappresentante la Vittoria alata con fascio littorio, e nella nicchia una statua equestre di Mussolini. Lo Stadio Littoriale era un campo di livello internazionale, uno dei più grandi e moderni dell’epoca, e così fu scelto nel 1934 per la fase finale dei Campionati Mondiali, per poi rimanere uno dei migliori campi italiani, seppur cambiando il proprio nome in Stadio Comunale, al termine della guerra.

Un’ultima e definitiva modifica al nome fu fatta nel 1983: stadio Renato Dall’Ara, in memoria del presidente che diresse il Bologna per 30 anni, dal 1934 al 1964, durante i quali i rossoblù riuscirono a vincere ben 5 scudetti, l’ultimo dei quali proprio nel 1964. Il grande Presidente, però, non riuscì a gioire di quel titolo, essendo morto solo 3 giorni prima della sfida spareggio con l’Inter.

Lo stadio fu completamente ristrutturato per i Mondiali del 1990. L’attuale capienza è di 38 279 posti a sedere.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche