Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gasperini raggiante: “Sappiamo stringere i denti. Bene il Var”

Gasperini

Il tecnico nerazzurro soddisfatto soprattutto per la tenuta in fase di copertura: “Stavolta Djimsiti ha potuto alzarsi dalla panchina, mentre col Napoli…”

“Vittorie come queste, contro una big, sono quelle che valgono di più. Anche se mi sarei risparmiato il thrilling finale…”. Gian Piero Gasperini plaude al silent check decisivo oltre il novantesimo salutando con favore soprattutto la tenuta difensiva della sua Atalanta contro la Lazio.

LA LINEA DELLA VITTORIA. “La Lazio ha buttato in avanti tanti giocatori fisici per colpire in gioco aereo e sull’episodio decisivo il video ha deciso la cosa giusta. In panchina ci hanno detto subito che era oltre la linea, non so se Acerbi o Milinkovic-Savic.

TECNOLOGIA AMICA. “Il Var è uno strumento fantastico se viene utilizzato con uniformità caso per caso. Toglie dubbi e polemiche, ma in questo momento mi pare scelgano di usarlo solo su falli di mano e fuorigioco: Genoa e Torino in questa giornata hanno avuto qualcosa da ridire. Se la tecnologia è così precisa come con noi stavolta, invece, niente da dire”.

L’ASTICELLA ALZATA. “Non abbiamo mai puntato al quarto posto, nonostante ci stiano caricando di obiettivi solo perché abbiamo fatto le coppe due anni di fila. Difficile fare previsioni adesso: preferiamo non porci limiti. Nel campionato non ci sono attualmente differenze di valori così evidenti”.

LE PALLE ALTE. “Quando ti trovi davanti giocatori molto fisici e anche tecnici che saltano sulle palle dall’out, devi saper anche stringere i denti. L’ideale sarebbe reggere l’urto e ripartire. Quest’ultima cosa non ci è riuscita sempre, anche perché alla fine eravamo stanchi”.

CORSA ALL’EUROPA. “Abbiamo risposto alle vittorie delle dirette concorrenti senza prendere gol da una squadra forte davanti come la Lazio. Forse il dato più importante della partita di stasera. Col senno di poi con Empoli e Napoli potevamo non perdere”.

COLOMBIA FELIX. “Indubbiamente le prestazioni di Zapata stanno dando valore aggiunto alla fase offensiva. Per il resto ci siamo sistemati bene dietro, lo ripeto: non aver preso gol è di primaria importanza. Ultimamente ne avevamo subìti troppi”.

PALOMINO. “Palomino ha avuto un affaticamento muscolare. La differenza rispetto alla partita col Napoli è che stavolta in panchina c’erano alternative pronte ad alzarsi ed entrare. Djimsiti l’altra volta non stava bene”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News