Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

I consigli a Miranchuk del giornalista BG: “Bergamo patrimonio Unesco, poi c’è Gasperini…”

Secondo il collega Eugenio Sorrentino, responsabile comunicazione della Sacbo intervistato da Sport Express, Miranchuk si troverà benone a Bergamo e con Gasperini

Alexey Miranchuk si troverà bene a Bergamo, città che è patrimonio dell’Unesco, e negli schemi di Gian Piero Gasperini: può giocare partendo da destra per rientrare sul sinistro”. Parola di Eugenio Sorrentino, responsabile comunicazione della Sacbo, la società che gestisce l’aeroporto di Orio al Serio, e direttore di Terzotemposportmagazine, intervistato dalla testata russa Sport Express sul neo acquisto dell’Atalanta: “Arriva in un club che agevola l’inserimento e l’ambientamento dei giocatori, anche dal punto di vista della lingua”.

MIRANCHUK E IL GIORNALISTA BG. “Come si deve comportare Miranchuk nell’Atalanta”, il titolo che dice tutto dell’articolo-intervista al collega Sorrentino: “Il giocatore è stato scelto per le sue caratteristiche tecniche, può diventare un sostituto per Josip Ilicic. L’Atalanta apprezza e valorizza i giovani talenti: da quando l’allena Gasperini, molti hanno avuto un’occasione unica per mettersi alla prova cominciando a essere convocati nelle loro Nazionali”.

MIRANCHUK E LA LINGUA. “L’Atalanta lavora bene in questa direzione e aiuta i calciatori stranieri a imparare velocemente l’italiano. Alexey può sempre contare sull’aiuto dei suoi connazionali, perché il Consolato Generale della Federazione Russa nel Nord Italia si trova non lontano da Bergamo, a Milano: c’è un team molto professionale guidato dal Console Generale Alexander Nurizade. E poi Ruslan Malinovskyi lo aiuterà ad adattarsi”.

MIRANCHUK E BERGAMO. Alla richiesta di indicare a Miranchuk posti da visitare e cibi da assaggiare, il giornalista bergamasco è lapidario: “La città alta con le sue mura storiche, patrimonio UNESCO: citerò la magnifica Piazza Vecchia con la Cattedrale e Santa Maria Maggiore – chiude -. Poi il Teatro Donizetti e la Pinacoteca Carrara. Fuori, consiglio il Lago d’Iseo costellato di borghi e i pendii innevati della Val Seriana. Nei giorni di riposo i giocatori dell’Atalanta restano a Bergamo perché si sentono a casa. C’è una meravigliosa tradizione enogastronomica: i casoncelli e la torta Donizetti”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News