Resta in contatto

News

La scheda completa di Duvan Zapata

L’attaccante dell’Atalanta è arrivato in Italia nel 2013 con la maglia del Napoli, poi Udinese e Sampdoria

INIZI CARRIERA. Duván Zapata viene acquistato nel 2001 dall’América de Cali, giocando per cinque anni nella primavera del club di Cali. Nel 2008 trova spazio in prima squadra, esordendo il 18 maggio dello stesso anno durante la partita di campionato contro il Boyacá Chicó, conclusasi con la prima rete realizzata da calciatore professionista. Trascorre due annate con i Los diablos rojos dove colleziona in totale 21 partite di campionato e 7 gol. Nel 2011 passa in prestito all’Estudiantes. Debutta con la squadra biancorossa il 26 settembre in occasione dell’incontro con il Belgrano, entrando a partita in corso e segnando, dopo pochi minuti, la sua prima rete nella Primera División. Dopo 5 gol segnati in 11 partite, il club esercita l’opzione per l’acquisto del cartellino fino al 30 giugno 2013.

NAPOLI. Il 24 agosto 2013, dopo essere stato vicinissimo al Sassuolo, viene ingaggiato dal Napoli, che lo acquista per 7.5 milioni di euro. In realtà prima del passaggio al Napoli vi è stato un vero e proprio contenzioso dal momento che il Sassuolo aveva dichiarato di detenere già il contratto firmato dal calciatore, che però in un secondo momento spinge per andare al Napoli. Così, alla fine il Sassuolo si convince a lasciare il giocatore al Napoli stracciando il contratto in suo possesso. Esordisce in maglia azzurra e in Serie A il 28 settembre successivo alla sesta giornata nella gara esterna contro il Genoa. Tre giorni più tardi debutta anche in Champions League, nella gara giocata all’Emirates contro l’Arsenal. Il 22 ottobre 2013, nella terza giornata di Champions League, segna il primo gol in maglia azzurra allo Stade Vélodrome contro l’Olympique Marsiglia. Realizza i primi gol in Serie A il 26 marzo 2014 nella vittoria esterna contro il Catania (4-2), nella quale mette a segno una doppietta. Nella prima stagione coi partenopei mette a segno 7 reti in 22 presenze. Nella stagione 2014-2015, il colombiano parte inizialmente spesso dalla panchina. Il 24 settembre 2014, in occasione della terza giornata di campionato, segna il primo gol stagionale nella partita casalinga contro il Palermo (3-3). Nell’ultima gara della fase a gironi di Europa League contro lo Slovan Bratislava, segna il gol del definitivo 3-0 per i partenopei. Nella partita giocata il 23 febbraio 2015, realizza il suo settimo goal in stagione con il Napoli ai danni del Sassuolo, che lo rende il colombiano con più reti segnate nella storia della squadra partenopea.

UDINESE. Il 20 luglio 2015 lascia il ritiro del Napoli per approdare in prestito biennale con diritto di riacquisto dopo un anno all’Udinese. Segna, contro l’Empoli, la sua prima rete in campionato con la maglia dei friulani. Segna anche contro il Milan, anche se non basta a permettere alla sua squadra di vincere e si ripete contro il Bologna il 24 ottobre segnando il gol del definitivo 1-2 per i friulani al Dall’Ara. Nella prima stagione friulana gioca 25 partite segnando 8 reti. L’anno seguente gioca tutte le 38 gare di campionato, firmando 10 gol.

SAMPDORIA. Il 31 agosto del 2017 si trasferisce alla Sampdoria in prestito con obbligo di riscatto. Debutta con la maglia blucerchiata il 17 settembre contro il Torino realizzando il suo primo gol dopo soli 16 secondi.[12] Realizza gol decisivi per le vittorie casalinghe contro Milan,Atalanta,Chievo e Juventus,consentendo alla Sampdoria di stabilirsi fra le prime sei posizioni della classifica per quasi tutto il girone di andata. Chiude il campionato con 31 presenze e 11 gol.

NAZIONALE. Nel 2011 viene convocato nell’Under-20 per prendere parte al Mondiale di categoria. Nel marzo del 2017 viene convocato dal CT. Pekerman per la prima volta nella nazionale colombiana. Debutta il 23 marzo seguente, contro la Bolivia entrando al 64°esimo al posto di Mateus Uribe.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement

Cristiano Doni

Ultimo commento: "Il migliore atalantino di tutti i tempi. Sapeva dibblare, tirare da fuori area, calciare le punizioni, colpire di testa. Ha segnato più di cento gol..."

Marino Magrin

Ultimo commento: "Un VERO SIGNORE E UOMO D ONORE"
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Un grande, uno dei migliori talenti visti a Bergamo, un'icona!"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Peccato sia rimasto relativamente poco a Bergamo."

Dea-Papu Gomez, una lunga storia d’amore

Ultimo commento: "un artista che ha fatto innamorare una citta e una provincia."
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Title

Powered by Pagine Sì!

Altro da News