Resta in contatto

News

Filippo Carobbio assolve Masiello: “Felice che abbia avuto una seconda possibilità”

masiello

L’ex centrocampista ora tecnico del Ciloverghe: “Io ho sbagliato e ho pagato, il suo prezzo è stato il fatto di non andare in Nazionale”

I fatti di Calciopoli sono lontani ormai 12 anni, ma l’eco i quella vicenda ha segnato in maniera indelebile Filippo Carobbio, fino ad allora buon centrocampista che si divideva tra Serie A e B, ma diventato presto uno dei personaggi chiave della vicenda. Oggi allena il Ciliverghe, in Serie D, con la stessa voglia di non mollare mai: “Infatti non ho mai pensato di mollare il calcio, anche nei momenti più bui. Posso solo dire grazie al Ciliverghe e al presidente Bianchini. Mi hanno voluto prima da giocatore e poi da allenatore, sono cinque anni che sono qui e sono felice. La mia nuova vita comincia adesso. Non sono il mostro che tanti hanno descritto. Chi mi conosce sa chi sono e chi vive al mio fianco al Ciliverghe, giorno per giorno, sa quanto valgo come persona e come professionista. Dimostrerò di poter fare l’allenatore a buon livello”.

Il calcio è la mia vita. Ho commesso errori gravi e penso di essere stato uno dei pochi che lo ha riconosciuto. Ma ho avuto da subito la voglia di rivalsa: non mi sento affatto la persona che è stata descritta in quel periodo. Ho sbagliato, ho pagato ed è giusto così“. ha detto a Tuttosport, ma il pregiudizio è duro a morire: “Lo percepisco ancora, a volte ci sono tre o quattro tifosi che si mettono contro e qualche coro su di me lo fanno. A me non dà fastidio, ci sono abituato. Dà più fastidio e dispiacere a chi mi sta accanto. Di gente che venga da me faccia a faccia a dirmi che sono stato un coglione non ce n’è mai stata. Se qualcuno fosse venuto da me a dirmi in faccia quello che pensava gli avrei stretto la mano e gli avrei detto 0Bravo, hai ragione’. Tanti pensano che abbia fatto nomi altisonanti per potermi salvare, ma non è stato così: in quel momento io pensavo di essere fuori da un certo tipo di calcio. Ho fatto quei nomi perché volevo liberarmi di un peso ed essere a posto con la coscienza e poi magari un giorno guardare i miei figli negli occhi e dir loro la verità“.

Nelle sue parole non poteva mancare un riferimento ad Andrea Masiello: “L’ho incrociato, lui gioca nell’Atalanta, io sono di Bergamo, quindi è capitato. Il fatto che a lui sia stata concessa una seconda opportunità per me è una cosa positiva. Sono contento che stia facendo bene. Penso che sia di buon auspicio e che qualcun altro magari segua il loro esempio. Invidia? No, davvero. Sono felice per lui, se lo merita. Se non è andato in Nazionale è anche per quello che è successo, anche lui ha dovuto pagare un prezzo e lo sta pagando tutt’ora. Io non ero al suo livello, sia come giocatore sia come età: lui era molto giovane, io sul finire della carriera“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Voto al mercato: la maggioranza dice 7

Ultimo commento: "Più forti di chi ci vuole morti vinci x noi magica Atalanta folle amore nostro ultras liberi"
ederson calciomercato

Che voto date al calciomercato dell’Atalanta?

Ultimo commento: "La bravura del Mister Gasperini nel proporre i giovani è la forza dell'Atalanta. Eccellente allenatore, grande uomo, vero bergamasco."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Già. Purtroppo soldi nel c'èsso e tirato lacqua"
Arctos sports partners pagliuca

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Infatti i oercassi poi hanno venduto la società"
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Stanno aspettando i soldi dagli abbonamenti per fare il mercato???"

Altro da News