Resta in contatto

Approfondimenti

Siamo vivi e non molleremo fino alla fine

Lo 0-0 contro l’Empoli non deve fermare l’Atalanta che si giocherà ogni possibilità fino all’ultimo incontro disponibile

A caldo è forte quel sentimento di rabbia per non aver capitalizzato a dovere un’occasione d’oro. Superare l’Empoli avrebbe consentito all’Atalanta di rimanere appaiata al Milan in quarta posizione, mentre invece lo 0-0 di ieri sera la fa scivolare in sesta piazza dietro anche alla Roma.
A MENTE SERENA. Difficile però rimproverare la prestazione alla formazione allenata da Gian Piero Gasperini. Ilicic e compagni hanno dominato in lungo e in largo il match e la conferma di ciò arriva direttamente dalle statistiche sui tiri verso lo specchio. L’Empoli si è limitato al tentativo di Farias dopo qualche minuto, l’Atalanta ha superato i trenta tentativi. Sì, trenta, ma nessuno di questi ha varcato la linea di porta. Merito di Dragowski che parato il possibile e anche un po’ di impossibile, ma anche dell’imprecisione dei terminali nerazzurri incapaci di inquadrare lo specchio.
“SIAMO VIVI”. Questa è stata l’espressione utilizzata da Gasperini nel dopo gara ed effettivamente ha ragione. L’Atalanta ha giocato bene facendo girare palla come suo solito, ma è mancato il colpo del ko. Anche nel finale, nonostante le tante energie spese nel corso del match, i nerazzurri hanno assediato la porta toscana, senza però riuscire a sbloccare l’incontro. Ma osservando il bicchiere mezzo pieno, il campo ha mostrato un’Atalanta che non ha voglia di fermarsi, ma vuole realizzare un qualcosa di veramente importante.
TRE GARE IN SETTE GIORNI. Indubbiamente il prossimo trittico di partite esprimerà gli ultimi verdetti e ci dirà a cosa può ambire questa Atalanta. Napoli, Fiorentina e Udinese sono gli ostacoli da superare al fine di rendere ancor più entusiasmante questa stagione, con un particolare occhio di riguardo al ritorno di Coppa Italia.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Auguri a Carletto Perrone: sfiorò l’Europa con Lippi (battendo la Juve a braccetto con Ganz)

Ultimo commento: "Auguri Carletto, un giocatore che mi è sempre piaciuto tantissimo 🥂🖤💙"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Il calcio,commentava in modo giocoso sorriso sempre in viso"
valter bonacina

Valter Bonacina

Ultimo commento: "👏👏👏👏👏👏👏... quanti ricordi!!!! Ma non s scriveva WALTER?"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Che anni quelli. La sfida tra lui e Zico una vera storia di Atalanta"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "L'Atalanta è stata da sempre un fucina di "tornanti" diventati poi dei campioni. Vedi Domenghini, Fanna, Donadoni, e tanti altri .......che al..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti