Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Il bergamasco Salvioni: “Mi rifiuto di avere paura”

Il tecnico di Gorlago parla a Nice Matin della triste quotidianità da bergamasco nell’epicentro del Coronavirus: “Ho perso due amici di scopa, la famiglia è al sicuro”

“Mi rifiuto di avere paura. Il Coronavirus ha già oscurato le nostre vite, le ha ridotte: con la paura sarebbe finita”. Parola di Sandro Valter Salvioni, ex professionista a centrocampo di varie squadra tra gli anni settanta e gli ottanta prima di cimentarsi con la panchina, tra le altre squadre, con il Nizza e con l’AlbinoLeffe: “S’è ammalato anche uno di questa società, 55 anni, ma per fortuna è fuori pericolo”, ha detto il sessantasettenne allenatore di Gorlago a Nice Matin.

SALVIONI, BERGAMO E NIZZA. Il compaesano dei fratelli Beppe e Titti Savoldi, chiuso in casa in paese, ricorda i tempi in Costa Azzurra, dove dal 2000 al 2002 nel club allora posseduto dal presidente romanista Franco Sensi fu artefice di una promozione in Ligue 1: “Adesso ho perso un po’ la fede e devo vedere la messa in televisione, a Bergamo e provincia ci sono in giro esercito e polizia, ci sta crollando il mondo addosso. Allora in occasione di salvezza e promozione, a Nizza, andai a piedi al santuario di Nostra Signora di Laghet: 22 chilometri, me lo fece conoscere Pancho Gonzales (ex calciatore e tecnico argentino dei nizzardi scomparso nel 2016, NdR).

SALVIONI E IL MENAGE FAMILIARE. “Vivo con mia moglie Sara, mia figlia Marcella e mia nipote Carlotta. La mia famiglia è stata risparmiata dal contagio, ma ho perso due vecchi amici con cui giocavo a scopa la sera in un bar a 500 metri da casa mia – ha rimarcato Salvioni -. Domenico di 84 anni e Luigi di 79 anni. Non ho potuto dire addio o andare al loro funerale. Tutte le famiglie sono state colpite da vicino e lontano. Al mattino, aspetto il giornale con paura nello stomaco. Siamo a 12 chilometri da Bergamo e a 40 da Codogno: alla spesa bada mia figlia, l’unica grossa riserva in dispensa è la pasta, la mia luce nei giorni bui, una volta a sera”.

SALVIONI E IL CALCIO. “Il calcio s’è dovuto fermare come tutti ed è giusto così. Non si sa quando e se potrà riprendere, ma manca a tutti – chiosa il gorlaghese -. Il calcio rappresenta la mia via di fuga e per i giornalisti è lo stesso. Vive ancora nella nostra testa. Ma qui si sente solo il rumore delle ambulanze e si leggono necrologi cinque volte tanto rispetto al normale”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

La voce dei tifosi: a gennaio almeno 4 dovrebbero salutare

Ultimo commento: "Boga via e buona fortuna. Ma il buco è in mezzo al campo senza il miglior Freuler perdiamo partite a raffica . Serve comprare un centrocampista..."
calciomercato

Sondaggio: come dovrebbe comportarsi l’Atalanta dopo la pubblicazione delle intercettazioni?

Ultimo commento: "Percassi...il lupo perde il pelo ma...😡....ma mi auguro davvero il nulla ..solo per i tifosi che ha la Dea!!"
Brescia-atalanta

Sondaggio a risposta secca: a Gasperini pieni poteri sul mercato, sì o no?

Ultimo commento: "Ok ma importante che rinforzi il centrocampo perché mancano incontristi puri capaci di aggredire e recuperare palloni invece che lasciar giocare..."

Altro da News