Resta in contatto

News

Nuovo equilibrio, vecchio calcio: così la Dea è in zona Champions

Più matura e consapevole, di nuovo cinica, intensa e aggressiva: con queste caratteristiche l’Atalanta formato 2021 si riprende il quarto posto

La Dea ieri pomeriggio, sul campo pesante e piovoso del Vigorito, ha ritrovato se stessa e ha sorriso. Sì, perché si è ritrovata migliorata: con una nuova maturità acquisita, un nuovo equilibrio tra difesa e centrocampo, e il suo vecchio gioco a due passi dallo specchio che frantuma senza fermarsi per pietà. Il Benevento, come analizza La Gazzetta dello Sport, poteva solo rassegnarsi davanti al punto di svolta nerazzurro e arrendersi senza rimpianti, come succede a tutte quelle che affrontano la nuova Dea di mister Gasp a cavallo tra 2020 e 2021.

GUARDA CHE MURIEL. Continua ad essere lui l’uomo chiave dei nerazzurri, perché è grazie al numero 9 che la Dea non perde da sette partite e ha vinto le ultime tre di fila, proiettata in zona Champions. Un momento d’oro, una striscia positiva che ricorda quella di inizio campionato: allora fu un tris da 13 gol mentre stavolta sono “solo” 12, i quattro di ieri con un bombardamento da 12 tiri in porta contro due.

FA TUTTO ILICIC. Ha segnato lui con uno slalom da applausi fra Barba, Sau e Glik quando la partita rischiava di compromettersi. Ha centrato anche il palo alla destra di Montipò, e quando Gasperini lo ha riportato nella sua mattonella a destra, è ritornato il Mago che era e in 3′ ha fatto di tutto: prima ha sfiorato il gol, poi ha imbeccato Toloi e ha dato il la a Zapata per il 3-1. Immenso e fondamentale per il ‘ritorno’ alla corsa Champions.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

Grande Dea grazie

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

E il Papu? poverino……..non riusciva ad adattarsi…..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
7 giorni fa

Zona champions…come merita 🙃🙃🙃🙃

Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
gianpaolo bellini

Gianpaolo Bellini

Ultimo commento: "Non e'stato un quaraqquaca come tanti giocatori al giorno d'oggi Grande"
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Magrin, l'ho conosciuto di persona e incontrato per caso un paio di volte nel 2001 al di fuori del "campo" persona seria e umile, mi ha colpito il..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Ogni sera mi addormentavo pensando la tattica e soprattutto la formazione che avrebbe mandato in campo, e devo dire che alla fine, ho imparato a..."
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News