Resta in contatto

Il muro del Tifoso

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Atalanta

L’ultima formazione con almeno tre giocatori fuori fase, l’errore del nazionale turco, un Gasperini che lascia Pasalic in panca. La responsabilità dov’è?

Hai voglia a dire che con un Merih Demiral sui livelli dei match con Juve e Napoli gli ottavi di finale non sarebbero certo stati una chimera. Hai voglia a dire che avrebbe dovuto giocare Super Mario Pasalic, 6 gol nelle ultime partite giocate, tra gli 8 totali anche quello del vantaggio nella grande illusione dell’Old Trafford. C’era Matteo Pessina e nella ripresa gli è subentrato Ruslan Malinovskyi che ha pure segnato. Ma l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, uno che non è l’ultimo arrivato e dunque se fa delle scelte è perché ha motivi più che validi, ha anche beccato 13 gol nelle 6 partite del girone di Champions League. Buttando via almeno 3 punti dei 6 disponibili col Manchester United, di cui 2 nel recupero in casa, sulla via della terza rincorsa consecutiva alle eliminatorie. E quindi?

DIFESA, DEMIRAL, GASPERINI E LE CHANCES SPRECATE. Il mister in casa dei Red Devils era in piena emergenza, eppure col 2-0 firmato proprio dal duo Pasalic-Demiral, dai destini opposti all’ultimo tuffo del girone contro il Villarreal, col capitano Rafael Toloi fuori causa, aveva fatto sognare tutta Bergamo e provincia. Difficile recriminare sulle occasioni perdute, anche perché dopo tutto nell’ultimo spicchio di gara erano stati riacciuffati sia i valenciani che lo Young Boys dopo il vantaggio iniziale nel primo caso e un secondo nell’ultima trasferta. Risultato? Errori individuali a parte, compreso quello in uscita fatale sull’1-0 di un Danjuma da 3 gol nel doppio scontro diretto nel Gruppo F, le troppe chances perse per strada e l’unica vittoria contro gli elvetici in casa il 29 settembre scorso firmata da uno degli uomini “meno” del 9 dicembre, proprio il brianzolo.

FUORI DALLA CHAMPIONS: LE RESPONSABILITÀ. In quell’occasione, del resto, i bergamaschi persero per mesi e mesi una colonna come Robin Gosens. Ovvero l’assenza che s’è fatta sentire fin troppo, perché Joakim Maehle non ne è stato minimamente all’altezza. Arduo davvero stabilire a chi o che cosa imputare l’esito deludente della terza campagna di fila nella coppa dalle grandi orecchie. Secondo voi lettori di CalcioAtalanta qual è stata la causa principale dell’obiettivo mancato?

Atalanta eliminata nel girone di Champions League: tra la difesa perforatissima, l'errore decisivo di Demiral, i punti persi, le scelte di Gasperini, a chi o che cosa la responsabilità?

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Non penso proprio: Papu era tutt'altro giocatore e più determinante."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da Il muro del Tifoso