Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Silenzio, parla Barrow: Primavera prima

Hellas Verona – Atalanta 2-3 (1-1)
HELLAS (4-3-1-2):
Borghetto; Nigretti, Baniya, Kumbulla, Corradini (38′ st Galazzini); Cherubin (11′ st Saveljevs), Danzi, Dentale (11′ st Felippe); Stefanec; Amayah, Tupta. In panchina: Bianchi, Righetti, Perazzola, Peretti, Numerato, Toccafondi, Fiumicetti, Aloisi, Ansah. All.: Porta.
ATALANTA (4-3-3): Carnesecchi; Del Prato, Alari, Salvi, Migliorelli; Melegoni, Bolis, Mallamo (21′ st Colpani); Elia (37′ st Peli), Barrow, Kulusevski (45′ st Chiossi). In panchina.: Vidovsek, Zortea, Carminati, Pagliari, Heidenreich, Rizzo Pinna, Nivozaki, Rinaldi. All.: Brambilla.
Arbitro: Marcenaro di Genova (Margheritino e Fantino di Savona).
RETI: 24′ pt Stefanec (V), 27′ pt e 25’ st Barrow (A), 33′ st Tupta (V), 42′ st Peli (A).
Note: ammonito Danzi. Corner 6-9, recupero 0’ e 4’.

L’Atalanta Primavera non si ferma più. Esattamente come la sua punta di diamante, il ’98 gambiano Musa Barrow. Quarta vittoria di fila e testa della classifica appaiata alla Fiorentina per la prima, settebello nella casella dei marcatori per il secondo: un rientro migliore dalla pausa per le nazionali non avrebbe potuto esserci per i ragazzi di Massimo Brambilla, bravi a tenere il timone diritto sbancando il campo di una diretta concorrente, a braccetto a quota 9 alla vigilia. Piegare l’Hellas a Vigasio è comunque costata fatica, perché Carnesecchi è stato sempre sul chi vive, impegnato già al 2′ da Corradini sul servizio di Amayah. Fallita l’occasione del numero 9 a tu per tu con Borghetto all’11’, i veronesi sono passati con la discesa dalla trequarti di Stefanec conclusa da un tiro secco.

L’eroe di giornata ha trovato quasi subito il pari in mischia dopo un batti e ribatti, mentre la prima frazione s’è chiusa col palo di Dentale a porta sguarnita dopo la respinta del portiere ex Cesena su Tupta. Nella ripresa il suo collega dice di no a Kulusevski, assistito dall’out da Elia, preludio ai botti oltre metà cronometro: al 25′ Barrow svetta imparabilmente sull’angolo di Bolis, Tupta riacciuffa il punticino a 12 dal novantesimo grazie all’assist di i Danzi e in zona Cesarini il nuovo entrato Peli percorre l’autostrada apertagli da un disimpegno sbagliato per poi anticipare l’uscita dell’uomo in guanti di casa. Ora due prove del nove: sabato prossimo ad Azzano San Paolo contro il Milan (Sportitalia, ore 13), tra due venerdì al “Tre Fontane” all’Eur contro i giallorossi, rimasti a 10 punti perché spodestati dai viola (12.30, RaiSport).

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News