Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Auguri ad Alessandrelli, il vice di Zoff. Con comparsata a Bergamo

Entrò per Dino Zoff, dalla storia non è mai uscito. Suo malgrado. È socio di Flavio Briatore in quota locali chic, quindi della fama immeritata legata a quei maledetti 26 minuti in Juventus-Avellino, 13 maggio 1979 e 3-0 che si tramuta in 3-3 dopo il suo ingresso, potrebbe anche fregarsene. Poi venne a Bergamo per un placido e inoffensivo seguito di carriera, e ciò dà un senso a questo pezzullo. Ne fa sessantacinque oggi uno degli ex meno noti e nominati sotto la Maresana. Anche perché rimarrà legato per sempre a una rimonta altrui con un’altra maglia. A strisce, ma mica troppo amata quassù. È il suo ruolo di riserva di Maurizio Memo tra i pali nella Dea cadetta di Titta Rota versione 1979/80 a farne un destinatario del pezzo celebrativo di CalcioAtalanta.it in tema di compleanni. Vinse davvero solo quando stette a guardare, con Madama: 3 scudetti (1972, 1977 e 1978), la Coppa Italia nel 1979 e la Coppa Uefa del 1977, primo trofeo internazionale finito nella bacheca di Boniperti & Co.

Ma Giancarlo Alessandrelli, detto Radiolina perché la sua funzione da panchinaro del più grande del ruolo era di riferire i risultati delle dirette concorrenti, sarà ricordato in eterno per aver vanificato il triplo vantaggio Bettega-doppio Verza facendosi infilare due volte da De Ponti, per aver respinto corto su altrettante punizioni di Ugo Tosetto, detto immaginificamente il Keegan della Brianza dai bei tempi del Monza, e una da Peppiniello Massa che ne scherzò l’uscita con un lob delizioso. Al “Comunale” fu di passaggio nell’annata stanca e improduttiva (niente risalita, anzi a primavera 1981 ci si sarebbe ritrovati in C) da neo retrocessa, smazzandosi 14 match di campionato (7 gol incassati, segno che tanto male non era) e 2 in Coppa Italia.

Tra i compagni di allora, il fantasista anarchico “Gusto Gol” Scala e il bomber Ezio-Gol Bertuzzo, sette a cranio, mentre dietro esercitava il suo magistero di mastino il cavallo di ritorno Giovanni Vavassori. Un puntino nella parabola professionale del ragazzone di Senigallia cresciuto a Trastevere (e romano si è sempre considerato, essendoci andato ad abitare coi genitori a un anno d’età), nato calcisticamente nell’Ostiense di Ponte Marconi ma sfuggito al destino della Roma di Gaetano Anzalone, il suo primo presidente: per lui, subito Juve a diciott’anni, quindi la Ternana del “gioco corto” di Corrado Viciani da toccata e fuga in A, i prestiti ulteriori ad Arezzo e Reggio Emilia e il rientro in bianconero, quattro stagioni senza vederla salvo avvistarne un tris in ritardo nelle pupille da quel minuto 64 in avanti al posto del mostro sacro. Sanremese, Rondinella, Fiorentina e ancora la seconda squadra di Firenze le stazioni fino al capolinea nel 1986, a rimembrare da imprenditore dello svago (il Billionaire vi dice qualcosa? Idea sua) di quando sognava di fare le scarpe a un friulano che non smetteva mai tenendo la radiolina appiccicata all’orecchio. Tanti auguri.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News