Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Bologna, crocevia di Europa e record

Donadoni

Tra 2014 e 2016, un paio di 2-0 dell’Atalanta per la sesta vittoria di fila. Dal record alla strada spianata per la storica qualificazione

Che cosa accomuna due date apparentemente fredde e anonime come il 29 marzo 2014 e il 27 novembre 2016? Per tifosi e addetti ai lavori, costretti a rimanere incollati al mondo Atalanta da passione e debito di professione, la risposta è scontata. Entrambe coincidono con una vittoria all’inglese a Bologna e con la fama recente delle sei vittorie consecutive. La seconda, ma allora non si sapeva, avrebbe spianato la strada dell’agognato ritorno in Europa a più di un quarto di secolo dai quarti di finale Uefa con l’Inter a fine inverno 1991.

Stefano Colantuono, Giuseppe De Luca e Marcelo Estigarribia da una parte. Gian Piero Gasperini, Andrea Masiello e Jasmin Kurtic dall’altra. Questi ultimi con destro e inserimento in gioco aereo sulle pennellate d’autore del Papu Gomez, i primi due -di mancino – con puntura da Zanzara diurna assetata di gol e prodezza balistica. In poche parole, artefici ed esecutori-eroi dell’epopea mancata – la Cola-band sbandò nel finale di stagione – e di quella riuscita. Nel 2014, un filotto dal 2 marzo in avanti: 2-1 al Chievo, poi – in rigida alternanza Bergamo-trasferta – successi corsari con Lazio (1-0) e Inter (2-1) e interni con Sampdoria (3-0) e Livorno (2-0). Nel primo giro di corsa del Gasp, invece, dal 23 ottobre in poi: 2-1 sulla Beneamata, 1-0 a Pescara, tris al Genoa e a Reggio Emilia contro il Sassuolo, 2-1 alla Roma.

Il “Dall’Ara” come crocevia dei record e dei sogni, dunque. E domenica, con due turni di campionato ancora da recuperare, giusto per appesantire di infrasettimanali e di thrilling una rincorsa a perdifiato, per lo start della mega volata in quota Europa League riecco la Dotta. La città dove trovare un barista laureato in filosofia è normale e dove il gioco del pallone è rimasto legato al ricordo dello squadrone che tremare il mondo fa – Sansone, Fedullo, Schiavio – o all’ultimo scudetto del ’64, quello di Fogli, Bulgarelli, Haller e Nielsen. Fra quattro giorni, sulla strada dei nerazzurri, per la seconda vola di fila (nel 2014 lo stratega nemico era Davide Ballardini) c’è il bergamasco Roberto Donadoni. Soltanto un caso o un dettaglio?

http://dai.ly/x1l5gt1

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti