Resta in contatto

Russia 2018

La Francia è la prima finalista

Umtiti spiana la strada, il ritorno del Belgio che rischia più volte il raddoppio non basta: Dedé e i suoi conquistano la terza finale Bleus dal 1998

In attesa di Croazia-Inghilterra, ecco il nome number one per la gloria del calcio. Sesto giro di lancetta del secondo tempo a San Pietroburgo, il timer dello spunto decisivo da palla inattiva. I cugini d’Oltralpe centrano la terza chance di giocarsi i Mondiali nella loro storia. Samuel Umtiti anticipa Fellaini sul primo palo, prendendo l’ascensore sul corner dalla destra di Griezmann, e la strada per la finalissima di Russia 2018 per la Francia è bell’e spianata.

UMTITI USA LA TESTA. Il cabezazo del difensore barcelonista sorprende tutto il Belgio e gli schemi di un Martinez fin troppo accorto col suo 3-5-1-1 iniziale e Dembelé (il sacrificato è Mertens, in campo dall’ora di gioco) arma tattica spuntata. Non così, invece, la prestazione monstre di Kylian Mbappé, carburato abbastanza lentamente dopo un ottimo avvio dei Diavoli Rossi e capace di tenere sul chi vive da solo metà squadra avversaria.

I DIAVOLI SI SPENGONO. La prima vera occasione la sforna una palla in uscita mal gestita dai Bleus, che De Bruyne trasforma nell’assist d’oro sprecato da Hazard col mancino a fil di palo. Al 19′ è Varane a deviargli la traiettoria destra di pochi centimetri sopra il montante, tre corsette di cronometro e il sinistro in mischia di Alderweireld trova pronto Lloris. Ma l’undici di Deschamps si sveglia con Giroud, leggi torsione al 31′ su spiovente di Pavard, e con la sovrapposizione all’asso nemmeno ventenne dello stesso terzino destro, che al 40′ si fa dire di no da Courtois.

LA FINALE DI MISURA. Sempre nella ripresa, a score sbloccato, Giroud stoppato dalla difesa (11′) dopo il servizio di tacco con elastico destro-sinistro di Mbappé, il traversone di Mertens per la zuccata imprecisa di Fellaini (20′) e il siluro di Witsel (36′) respinto dal portiere francese. Al 93′ (6′ di recupero, 1′ nella prima metà) Pogba imbecca Griezmann, che di destro non può essere efficace. Ma poco importa, a Parigi festeggiano lo stesso, anche se Courtois ferma pure Tolisso allo scadere e il risultando non si arrotonda.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Russia 2018