Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

22 anni senza Chicco e Ale, ma nel cuore dei tifosi sono sempre presenti

Enrico Pisani

Come ogni 12 febbraio i tifosi nerazzurri ricordano Chicco Pisani, morto in un incidente stradale il 12 febbraio 1997

Un giovane di talento, sgusciante e rapido, di quelli che oggi vanno sempre di moda. Questo era Federico “Chicco” Pisani, allora 22enne attaccante dell’Atalanta. Ma un destino infame gli impedì di realizzarsi a pieno come calciatore.

Il 12 febbraio di ventidue anni fa, infatti, il ragazzo muore con la sua fidanzata, Alessandra Midali, in un incidente stradale sulla Milano-Laghi di ritorno da una festa di Carnevale tenutasi presso il Casinò di Montecampione.

Federico Pisani nasce nel 1974 in Toscana, a Lucca. I primi passi mossi con il pallone sono nel Margine Coperta, società satellite dell’Atalanta in provincia di Pistoia. Il suo grande talento lo porta presto a Zingonia, dove cresce nel settore giovanile. Ancora minorenne esordisce nel calcio dei grandi: è un attaccante tutto dribbling, esile e sgusciante nel suo metro e settanta d’altezza, spesso decisivo a partita in corso. Vince il  Viareggio nel ’93 con la banda Prandelli, poi gioca una stagione in prestito al Monza prima di tornare a Bergamo, dove si specializza soprattutto come attaccante utile a partita in corso. Nel frattempo aveva conosciuto Alessandra, di cui era innamoratissimo e che molti amici hanno detto negli anni volesse sposare.

La sua morte lascia grande sconforto in tutta la città, con la società che sceglie di ritirare la maglia numero 14 in suo onore e la Curva dove sono stipati i tifosi nerazzurri che da quel giorno in poi prenderà il suo nome. Ma non sarà l’unica cosa a Bergamo ad essere ricordata in modo forte. Con loro in macchina quella notte maledetta c’erano due amici, rimasti illesi. Anni dopo si sono sposati e hanno avuto due figli, li hanno chiamati Federico e Alessandra. Un altro segnale di come chi lo ho avuto vicino non ha mai dimenticato Federico Pisani

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Approfondimenti