Resta in contatto

News

Chiarenza, tra gli eroi del Settantasette. Mounier, la meteora. Compleanno per due

Oggi, domenica 27 settembre, compleanno per due atalantini dal passato diverso: glorioso per Chiarenza, recente e da meteora per Mounier

Vincenzo Chiarenza, oggi neo sessantaseienne, era sostanzialmente un jolly. Punta effettiva nella prima parte del biennio cadetto 1975-1977 dell’Atalanta sotto la gestione degli staffettisti Giancarlo Cadè-Gianfranco Leoncini, indossò preferibilmente il 9 più che il 7 anche nella seconda scalando però da capocannoniere da cinquina a sostanziale spalla del nuovo eroe Ezio-gol Bertuzzo. Sarebbe poi ritornato per una dozzina di match nel 1978-1979 della nuova retrocessione in B, ma resterà sempre uno degli eroi degli spareggi del Settantasette. Solo nella piccola cronaca del club, invece, chi il 27 settembre 2020 raggiunge l’età del Signore, Anthony Mounier, 5 comparsate sotto Gian Piero Gasperini tra febbraio e primavera del 2017 dopo che il Bologna dovette rigirarlo in prestito per il rifiuto dei tifosi del Saint-Etienne: “I nostri colori non saranno mai i tuoi”. Per forza, è un prodotto del vivaio del Lione

CHIARENZA E GLI EROI DEL SETTANTASETTE. Nel famoso spareggio del 29 giugno 1977 al “Ferraris” di Genova contro il Cagliari (2-1) Chiarenza, nato a Termine Imerese e cresciuto nella Juventus prima di esordire diciannovenne in A con la Sampdoria, rimase fisso in panchina. Il 3 luglio successivo, a Bologna, nell’occhiale col Pescara subentrò al 57′ a Pierino Fanna, uno dei “saranno famosi” nerazzurri dell’epoca, insieme a Cabrini, Prandelli, Pircher e al futuro presidente Antonio Percassi. Tra gli eroi di Titta Rota, il siciliano trapiantato a Torino ebbe come co-capocannoniere di squadra una mezzala spesso utilizzata come ala, Lello Vernacchia. La fantasia era prerogativa di Augusto Scala. Brindisi, Avellino, Bari, Taranto, Lazio, Udinese, Lazio, Triestina, ancora Taranto, Legnano, Novara e Pinerolo le altre stazioni, chiudendo a 37 anni.

CHIARENZA, IL COLLEGA DEL GASP. In panchina, dal 1991 al 2008, Chiarenza, tranne i Pulcini e gli Allievi Nazionali, ha all’attivo praticamente tutte le giovanili della Juve, dagli Esordienti alla Primavera, succedendo nel 2003 proprio al Gasp. Da giocatore, scudetto Primavera 1972 e senior ’72 e ’73; da tecnico, 3 Viareggio Cup dal 2003al 2005 allenando anche Andrea Masiello, Coppe Italia Primavera 2004 e 2007, scudetto Primavera 2006 e sempre allo stesso livello Supercoppa 2006 e 2007. Ascoli, Sanremese e Como le fugaci esperienze tra i “grandi”. Da giocatore, 55 partite e 7 gol atalantini su 386 e 30 da professionista.

LA METEORA MOUNIER. Cagliari, Fiorentina, Inter, Sassuolo e Udinese le prove da cambio di Mounier, francese di Aubenas classe 1987 che all’Atalanta è passato come una meteora quasi per caso. Un mancino che potesse coprire i ruoli dalla cintola in su serviva ed eccolo. Cento minuti scarsi al netto dei recuperi, nel corso di una parabola che a trent’anni gli aveva ormai dato il meglio. Nell’OL, cinque titoli di Francia sono anche suoi, consecutivi, dal 2004 al 2008, senza contare la Coppa nazionale nel 2008 e la supercoppa quadrupla dal 2005 al 2008. Nizza, Montpellier, Bologna, Panathinaikos con incrocio da nerazzurro coll’ecuadoriano Bryan Cabezas e dal gennaio di quest’anno il Panaitolikos le altre squadre di una vicenda, finora, da 339 gare condite da 51 palloni nel sacco e 49 assist.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Arctos sports partners

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "Ogni anno si vendono giovani emergenti e si acquistano talenti non ancora sbocciati ...."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "è ancora sicuro di ciò che ha scritto, ora che siamo all'ultima partita di campionato?"
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da News