Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sacchi: “Niente egocentrismi, i giocatori seguano Gasperini”

sacchi

Mister Sacchi bacchetta la Dea: “Che fatica con i danesi”

Arrigo Sacchi ha analizzato la prestazione effettuate da Atalanta e Inter martedì nel suo articolo di opinione pubblicato oggi sulla Gazzetta dello Sport. Alla Dea non ha risparmiato qualche piccolo appunto. Vediamo più nel dettaglio i pensieri del Mago di Fusignano.

L’ex ct esordisce cosí: “L’Atalanta di Gasperini pareggia con i danesi del Midtjylland, ma che fatica. In Champions non ci sono incontri facili”.

“Gli avversari- prosegue– hanno rubato l’idea a Gómez e compagni, li hanno aggrediti invece di esserlo. Nei primi 9 minuti hanno tirato in porta una volta e hanno avuto una grossa occasione, poi hanno segnato un gol. Un brutto inizio per i bergamaschi che forse pensavano fosse un incontro facile, o forse non avevano il giusto stress da competizione.

I GIOCATORI SEGUANO GASPERINI  Da grande amante del gioco corale si cimenta poi in una sorta di invito ai calciatori nerazzurri: “Gli incontri si vincono durante la
settimana, grazie alla concentrazione e al lavoro. Non era l’Atalanta solita. Laquadra è composta da qualche giocatore non più
giovane che mai aveva giocato in un grande team e che ha trovato a Bergamo l’ambiente, il gioco e la collaborazione che gli hanno permesso di raggiungere livelli mai toccati nella propria carriera. Ci sono giovani che stanno crescendo grazie al lavoro, alla collaborazione e al gioco. Tutti dovrebbero essere grati e ripagare con comportamenti professionali l’allenatore e la società, come
è successo in questi ultimi
anni. Se così sarà non daranno spazio alla presunzione e all’egocentrismo. Non solo saranno ammirati come giocatori, ma anche come uomini. Il pareggio ottenuto non ha compromesso nulla. Ma i giocatori non devono tradire loro e chi gli ha permesso di andare oltre un sogno. In bocca al lupo”

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News