Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Recenti (ex viceall. Sion): “Cunha è fortissimo, ha il gol nel piede”

alessandro recenti

L’ex collaboratore di Tramezzani in Svizzera definisce l’attaccante dell’Hertha Berlino come un sicuro crack

Mancano ancora due settimane alla chiusura del mercato e sono molti i nomi che circolano accostati all’Atalanta. Uno di questi è Matheus Cunha, fresco vincitore della medaglia d’oro alle Olimpiadi con il Brasile. Con Alessandro Recenti, oggi sulla panchina del San Marino Academy (club di Serie B femminile) ma membro dello staff tecnico del Sion quando Cunha militava nella squadra svizzera, proviamo a capire chi è.

Manca ancora molto alla fine del mercato: con Lukaku al Chelsea, Zapata è nel mirino dell’Inter e l’Atalanta ha sondato per Cunha. Ci guadagnano tutti con questa operazione?
“Ci guadagna sicuro l’Atalanta dal punto di vista tecnico. Dal punto di vista invece economico tutte le parti ne trarrebbero vantaggio, per primo l’Hertha Berlino che sicuramente chiederà una cifra importante”.

Cunha è un giocatore che ha allenato al Sion, ce lo descrive?
“Matheus oltre ad essere un ragazzo straordinario è un attaccante fortissimo. Un sicuro crack. A Sion lo visionammo giovanissimo ed in due giorni era da noi. Si vedeva subito che era speciale. Prima punta, seconda punta o esterno, molto abile nel dribbling ma anche nella finalizzazione. Ha il gol nel piede. Inoltre inventa gol da fantacalcio”.

Non si può definire l’Atalanta come regina del mercato, ma ha trattenuto i pezzi pregiati eccetto Romero rimpiazzato con Demiral. E’ un’Atalanta più forte anche a livello societario?
“L’Atalanta nell’ultimo triennio è cresciuta sia dal punto di vista tecnico ma soprattutto societario. L’operazione Romero ne è la dimostrazione. Credo che fosse il calciatore che aveva più mercato di tutti e la cessione al Tottenham è stata un vero colpo di mercato”.

Confermando anche Gasperini, quale può essere il reale obiettivo del club?
“Penso che i primi tre posti e successiva qualificazione alla Champions League siano l’obiettivo dell’Atalanta. Ci aggiungo anche la vittoria della Coppa Italia che sarebbe il giusto premio per questo ciclo calcistico”.

Dovesse dare la sua griglia di partenza, quali squadre metterebbe nelle prime tre file e perché?
“Inter perché è Campione d’Italia, Atalanta per la continuità e Juventus per il ritorno di Allegri a pari merito con la Roma perché con Mourinho il fuoriclasse ce l’ha in panchina”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Arctos sports partners

Di che le responsabilità, se il 2022-2023 sarà senza Europa?

Ultimo commento: "CAUSA INSISTENZA CON BOGA E ZAPATA TITOLARI MA FUORI FORMA E INGUARDABILI . BOGA DA VENDERE NOCIVO PER IL NOSTRO GIOCO. RIGUARDATEVI LE PARTITE CON..."
campagna abbonamenti

SONDAGGIO – Sei soddisfatto della campagna abbonamenti?

Ultimo commento: "Che tu sia un dipendente pubblico del settore pubblico o privato, lavoratori autonomi, artigiani, commercianti, lavori in qualsiasi settore di..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Gosens aveva difeso il Papu. Aspettavano solo l'offerta giusta per cederlo"

Altro da Esclusive