Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

L’ultimo comunicato della Curva: “Sciolti per non dividere”

La frase più importante della nota è racchiusa qui: “Nati per unire. Senza l’unione il nostro essere cade. Per questo la decisione è chiusura“. La Curva Nord, in quello che viene definito come il proprio ultimo comunicato, spiega i motivi alla base del proprio scioglimento, argomento sulla bocca di molti tifosi nei giorni scorsi a Bergamo

“Repressione, una malattia… la polizia – si legge nel comunicato della Curva -. Una repressione che nella nostra città è diventata ormai un’azione volta ad eliminare quel mondo ultras diventato scomodo. Quella repressione che ha colpito ragazzi con l’infamante accusa di associazione per delinquere. Tredici anni di processi, sentenze, ricorsi e gogne mediatiche al solo scopo di distruggere la nostra realtà. Ragazzi di tutte le generazioni che hanno pagato, e che stanno ancora pagando, in termini di diffide e carcere, colpiti il più delle volte da provvedimenti generati con falsità. Una decisione difficile e non indolore, presa da pochi per responsabilità di tutti: i giovani cresciuti in tempi in cui essere ultras non è per niente facile, e soprattutto le vecchie generazioni, colpevolmente mancate in quel ruolo di garante, mancanza che ha condizionato moltissimo il percorso poi intrapreso. Abbiamo un grande rammarico, che è anche la nostra più grande sconfitta, quello di non essere più riusciti a riportare Claudio (il Bocia) con noi in Curva“.

Nessuna porta chiusa a nuovi futuri eventuali sviluppi, ad ogni modo: “Si chiude un’esperienza e lo si fa per crescere, non per morire. È ora che coloro che hanno sempre camminato nell’ombra, protetti da mamma Curva, crescano ed imparino a camminare da soli. Convinti di chiudere una storia che possa farne nascere un’altra, ancora più importante, ancora più bella“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News