Resta in contatto

Approfondimenti

Il percorso di Gosens a Bergamo: da sconosciuto a top

Verrà ricordato come uno dei più grandi colpi dell’era Percassi

Il percorso in nerazzurro di Robin Gosens sembra essere giunto abbastanza alla fine, con buona pace dei tifosi atalantini, che avrebbero voluto rivedere volentieri almeno fino a giugno il calciatore tedesco. Resterà comunque, soprattutto a mente fredda, evidente la bellezza del cammino intrapreso assieme nel corso di questi anni a Bergamo, con il ragazzo arrivato nell’estate 2017 come un perfetto sconosciuto o quasi.

L’impatto con il calcio italiano fu difficile, con il ragazzo, all’epoca ancora parecchio giovane, apparso un po’ pesce fuor d’acqua e poco efficace nelle proprie apparizioni, nonostante un finale da titolare fisso nell’ambito dello storico ritorno in Europa della Dea dopo addirittura 26 anni. Meglio andò nel secondo anno, anche alla luce dei guai fisici che tenerono spesso al palo Spinazzola, peraltro voglioso (invano) di tornare alla Juventus già a gennaio su pressione della stessa società bianconera.

L’ESPLOSIONE  Il resto è storia più recente, con la stagione che rimarrà nella storia per lo stop causa Covid a segnare una chiara linea spartiacque nel percorso del ragazzo, arrivato addirittura a raggiungere la maglia della Nazionale tedesca come titolare a un Europeo. Un vero e proprio percorso di crescita sotto ogni punto di vista, a partite da uno sviluppo fisico e muscolare davvero impressionante, quasi similare a quello dei calciatori più atleticamente prestanti in Premier League. Importante anche la crescita sotto l’aspetto tecnico e anche coordinativo, a evidente conferma del lavoro a trecentosessanta gradi su tutti gli aspetti per il ragazzo. Tutte qualità di cui ora beneficerà l’Inter, grazie alla grande abilità di trattativa dell’area sportiva nerazzurra comandata da Beppe Marotta, autore di veri e propri capolavori in fase di negoziazione.

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "è ancora sicuro di ciò che ha scritto, ora che siamo all'ultima partita di campionato?"
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da Approfondimenti