Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Atalanta, Palomino: “L’obiettivo è tornare in Europa”

Palomino Atalanta

José Palomino è pronto ad iniziare la sua sesta annata con la maglia dell’Atalanta: “Spero di fare meglio della scorsa stagione”

Dal ritiro dell’Atalanta a Clusone ha parlato José Palomino.

Tornare in Europa. Siamo ancora alla prima settimana di ritiro, più avanti vedremo come siamo, non so se deve arrivare qualcuno o qualcuno parte, l’idea è sempre la stessa, prepararsi al meglio. Mi aspetto una stagione difficile come le altre ma l’obiettivo è arrivare a giocare l’anno prossimo in Europa. Sono deluso che non è arrivato l’obiettivo di Europa e Champions ma la rabbia ora si trasforma in carica di arrivare a questo obiettivo l’anno prossimo. Dobbiamo partire col pensiero di arrivare all’Europa e alla Champions affrontando ogni partita pensando di prendere i 3 punti”.

I tifosi. “Siamo contenti per loro che possono vedere l’Atalanta come si allena, sempre c’è gente qua a Clusone a farsi sentire, da due anni non avevamo avuto questa opportunità, allora sono contento per loro e a noi piace.Ormai sarà il mio sesto anno con l’Atalanta, io voglio bene a loro, loro a me, c’è grande affetto.non sono solo io ma a far entusiasmare la gente ma anche tutti i miei compagni, sono contento di aver segnato domenica anche se sono un difensore, non so a che punto è positivo perché mi piacerebbe che fossi un attaccante (ride, ndr)”.

Il premio di giocatore dell’anno. “Sono contento, ma spero di fare sempre ancora un po’ meglio, al meglio delle possibilità. Penso di avere ancora margine per migliorare, devo allenarmi e fare una buona preparazione ma sono fiducioso che posso fare ancora meglio”.

Ederson. “Sono contento di averlo come compagno, ha qualità, ora deve allenarsi e deve capire ognuno di noi, è solo la prima settimana”.

Scalvini. “Aiutiamo i più giovani, anche Matteo e Okoli, poi è una decisione del mister se andranno via o no”.

La nazionale. “Speriamo nella chiamata dell’Argentina, se continuo così penso che arriverà l’opportunità prima o poi. Io all’Atalantami trovo benissimo, poi non so in futuro se chiuderò a vita qui, vedremo col tempo cosa succede. Sei mesi fa ho rinnovato, fino a che sento che posso aiutare la squadra rimarrò qua poi vedremo che decisione prendere con la società”.

I gol. “Ogni anno dico di fare cinque-sei-sette gol, purtroppo ci non riesco mai, ma spero quest’anno di coprire l’obiettivo personale di cinque-sette gol”.

Il tempo libero. “Dormiamo tanto, poi ognuno riposa in camera, parlo con la mia famiglia, leggo, studio economia e architettura per informarmi sulla situazione tra Europa e Stati Uniti, capire cosa può succedere. Mi farebbe piacere imparare a suonare il piano, ma la chitarra non l’ho portata, mi piacerebbe fare un corso di Yoga, ora che ho più tempo”.

Di Maria. “Sono contento per lui, inizia a giocare ed è cosa buona anche per la Serie A, tutte le squadre si stanno rafforzando bene. Ci lavoreremo per fermarlo, l’importante è che non faccia assist, lui li è molto bravo, cercherò di pigliarlo ma non sarà facile (ride, ndr)”.

VAR e falli. “Io non picchio tanto ma si lamentano lo stesso. Demiral comincia il casino, ma a parte gli scherzi non si lamenta nessuno loro li fanno a me e io a loro, l’anno scorso abbiamo avuto qualche situazione d’intralcio col Var più che altro…”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News