Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rubriche

Atalanta-Sassuolo, le pagelle nerazzurre

L’Atalanta batte il Sassuolo 2-1 – reti di Cornelius al 16′ e Toloi al 32′, autorete di Toloi al 30′ – e accede ai quarti di finale di Coppa Italia. Ecco i nostri giudizi.

Gollini 6: si gode lunghi tratti del match da una posizione privilegiata. Gli avversari si limitano tuttalpiù a qualche passaggio, che sarebbe improprio definire tiro in porta, che non va oltre l’ordinaria amministrazione.

Toloi 6,5: leader nel gioco aereo, sia nella propria area di rigore, sia in quella del Sassuolo. Sfortunato in occasione dell’autorete: nel tentativo di anticipare Matri, infila la palla alle spalle di Gollini.

Mancini 6,5: sarà il futuro Caldara? Ancora presto per poterlo dire. Quel che è certo è che alla buona prestazione in casa della Fiorentina, ne fa seguito un’altra convincente.

Bastoni 6,5: il promesso sposo dell’Inter presidia la zona di sua competenza concedendo il minimo indispensabile.

Castagne 6: prezioso un intervento difensivo al 77′, disputa una gara eccessivamente timida. Si fa apprezzare in copertura, meno in spinta.

Haas 6,5: prima da titolare per il centrocampista svizzero che si fa apprezzare per due conclusioni nei primi quarantacinque minuti e per il tanto lavoro sporco eseguito in mediana. (21’st Schmidt 6: al debutto assoluto in maglia nerazzurra porta energie fresche nel mezzo).

De Roon 7,5: padrone assoluto del centrocampo. Aggredisce il Sassuolo in qualsiasi area del campo, serve perfettamente Cornelius per l’1-0 e innesca l’azione del possibile 2-0. Mostra anche una buona condizione fisica.

Gosens 6: incontro simile a quello del collega stazionato sul fronte opposto. Si prende cura prevalentemente della fase difensiva, ma manca il suo supporto in quella offensiva.

Orsolini 6,5: mostra tutto il proprio talento nella prima frazione di gioco. Dribbling, inserimenti, assist e un buon sinistro che colpisce il palo. Cala nella ripresa. (39’st Ilicic sv).

Cornelius 7: unico elemento di peso nell’attacco nerazzurro, fa a spallate con Cannavaro e soci in rudi duelli. Ancora in gol contro il Sassuolo con un sinistro che fulmina un Pegolo non esente da colpe. (43’st Gomez sv).

Kurtic 5: nel freddo pomeriggio bergamasco tocca a lui il lavoro sporco fra le linee. E lo svolge sacrificandosi e vedendosi negato il possibile 3-0 dall’incrocio dei pali. Ma vanifica la buona prova facendosi cacciare all’89’.

Gasperini 7: l’obiettivo era passare il turno e, anche se con qualche brivido di troppo, è stato raggiunto. Dà spazio alle seconde linee, ma l’Atalanta mostra comunque la propria impronta si gioco: due gol, due legni e tanto possesso.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Rubriche