Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gasperini: “Crotone ambiente caldo. Ilicic può fare la differenza”

È un Gian Piero Gasperini con ancora diversi interrogativi legati alla formazione quello che ha appena incontrato la stampa nella consueta conferenza che precede le gare di campionato: “Caldara e Gomez non benissimo per la schiena, Mattia ha una sciatalgia che gli impedisce di scattare e di fare i movimenti massimali. L’idea è quella di portare il Papu. Ilicic domenica ha preso qualche botta in più, ma sono cose di campo. Ma sta benissimo, soprattutto perché è diventato padre per la seconda volta. È bello carico e felice“.

Sui prossimi impegni – “Ora come ora non c’è alcuna intenzione di fare turnover e cambi, per quello aspettiamo dopo Dortmund. Domani è una partita importante per quello che rappresenta, per il momento favorevole del Crotone e per la nostra corsa a posizioni migliori in classifica. È anche un test in vista dell’Europa League. Ogni vittoria per noi è sempre stata molto sudata, non ce n’è stata una facile”.

Sugli avversari – “Quest’anno il Crotone è sempre stato in una situazione di classifica abbastanza buona, può raggiungere l’obiettivo della salvezza in modo più tranquillo rispetto all’impresa dello scorso campionato all’ultima giornata. Noi veniamo da due vittorie di fila, le motivazioni sono da ambo le parti. Crotone è sempre un ambiente caldo, lo conosco bene. La squadra poi non si limita a difendere ma sa anche proporsi e attaccare, lo dimostra il pareggio a San Siro con l’Inter”

Quanti impegni in questo momento – “Non che prima giocassimo poco, ma sentiamo molto questo momento cruciale per la stagione. Dobbiamo viverlo con serenità ma anche con entusiasmo, pensando partita per partita. L’esodo di migliaia di tifosi per Dortmund non è qualcosa che ci lascia indifferenti”.

Campionato e non solo – “I tre punti ottenuti contro il Chievo sono figli della sicurezza e della tranquillità di tutta la squadra. L’intenzione è affrontare ogni singolo impegno con lo stesso atteggiamento, proponendo il nostro calcio. L’Atalanta non sta trascurando alcun traguardo, anche perché il campionato è la strada maestra per andare di nuovo in Europa. Gli obiettivi sono tutti importanti, compreso quello di mettere in campo la miglior formazione possibile. Non per tutti è possibile giocare sette partite in tre settimane”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News