Resta in contatto

News

L’addio di Thiago Motta: “Con Gasperini la mia rinascita”

Thiago Motta al Genoa: fu Gasperini a rilanciarlo dopo i guai alle ginocchia

L’italobrasiliano, approdato in Italia nel Genoa da Europa Legue dell’attuale tecnico atalantino, appende le scarpe al chiodo ringraziandolo

Gian Piero Gasperini è uno che lascia il segno anche in chi è stato allenato da gente come van Gaal, Rijkaard, Mourinho e Ancelotti: “Dopo tre operazioni al ginocchio tra Barcellona (legamenti del destro, NdR) e Atletico Madrid (menisco interno sinistro) mi credevo finito. Ma Gasp al Genoa mi fece innamorare di nuovo del calcio”. Il tributo all’ex mentore acquista ancora più importanza, visto che a farlo è Thiago Motta, regista raffinato del Grifone dei miracoli edizione 2008-2009, quello che conquistò il posto in Europa League sfiorando la Champions (scontri diretti negativi con la Fiorentina).

MOTTA E GASPERINI, FAME DI CALCIO. L’attuale tecnico dell’Atalanta, insomma, per il mancino che si ritira dal calcio giocato e allenerà i giovani del Paris Saint-Germain (Under 19) rimane il simbolo della rinascita: “Litigai sul contratto col presidente Preziosi in pizzeria a Desenzano – ricorda a GazzaMondo, inserto odierno della Gazzetta dello Sport -. Firmai in spogliatoio durante un Genoa-Milan. Con Gasperini non fu facile: al primo allenamento, dopo 3 ore di esercizi, temevo per il ginocchio. Ma mi fece innamorare di nuovo del calcio. Il giorno dell’esordio dalla panchina ero senza scarpini e parastinchi, non pensavo di entrare: non vi dico le sue urla”.

L’INTER E IL CARATTERE DEL GASP. “Preziosi venne a dirmi di avermi ceduto con Milito all’Inter, Mourinho mi chiamò per chiedermi se ero pronto ad andare in guerra – ha proseguito Motta sul filo delle memorie -. Fece fare il terzino a Eto’o dopo averlo rimproverato davanti a tutti di non fare abbastanza. Gasperini a Milano non funzionò perché era la squadra costruita da Mou per il contropiede. E lui era troppo intransigente per quello spogliatoio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Il primo abbonamento in nord E c'era lui Gusto Capello lungo e corsa da cavallo"

Angelo Domenghini

Ultimo commento: "Sono tifoso del Milan ma da due anni seguo l'Atalanta. Vorrei che il Milan fosse l'Atalanta. Se Atalanta e Milan giocano in simultanea guardo..."

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Anche io ho cominciato a seguire la dea in coppa delle coppe e da allora nn ho più smesso di seguirla nonostante le bufere di calcioscommesse. Mondo..."
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Ciao mister sono ambo amboni francesco mi hai allenato a Verdello in Eccellenza ti ricordi sei grande un abbraccio"
bonacina

Valter Bonacina

Ultimo commento: "Un vero tifoso della Dea sa perfettamente che si chiama "V"alter !!!"

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News