Resta in contatto

News

Buoni Comportamenti: l’Atalanta fa rete contro gli abusi in rete

Iniziativa formativo-didattica presentata oggi all’Accademia Mino Favini di Zingonia: coinvolte Questura e ATS “per uso consapevole del web”

L’Atalanta parte dai “Buoni Comportamenti” per prevenire gli abusi in rete dettando le linee guida dell’uso consapevole di internet e della tecnologia informatica. All’Accademia Mino Favini di Zingonia è stato presentato il progetto che vede coinvolte Questura, Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo e cooperativa sociale Specchio Magico Onlus. Destinatari, gli atleti del settore giovanile nerazzurro.

BUONI COMPORTAMENTI IN RETE. A spiegarne principi e scopi è la pedagogista del vivaio Lucia Castelli: “Rientra in un accordo quadro con ATS e Regione Lombardia unendo salute, sport ed educazione per costruire una E Policy, una procedura regolamentata dell’utilizzo consapevole dei social network e della rete a tutela dei minori tesserati, circa il 90 per cento del totale. Come? Formando i giovani attraverso gli adulti: il nostro staff tecnico-medico-dirigenziale inizierà i corsi a gennaio, a febbraio si comincia coi genitori”.

COSTANZI, RADICI E PERCASSI JR. Introducendo l’evento, Maurizio Costanzi, responsabile del settore giovanile, ne ha definita la mission: “Società e Istituzioni sono in rete per un progetto educativo e culturale basato sul radicamento nel territorio. Siamo gli educatori dei millennial”. La Coordinatrice del progetto è Cristina Radici: “I miei tre figli giocano tutti qui, oggi noi genitori siamo disinformati e spesso spiazzati quando i bambini prendono in mano strumenti tecnologici: non si sa come li useranno. L’Atalanta forma atleti e calciatori, ma soprattutto uomini con regole etiche che si porteranno dietro tutta la vita”. Il marito, l’amministratore delegato Luca Percassi, punta sull’evocazione della figura legata alla location: “Non è un caso che si prendano le mosse dall’Accademia Mino Favini, uno che formava i giovani. Sentiamo il peso della responsabilità dell’accompagnamento della crescita umana e sportiva dei calciatori dai 6 ai 18 anni”. Stefano Bonaccorso, responsabile dell’attività di base, snocciola i numeri: “100 operatori sportivi per circa 600 tesserati compreso il settore giovanile femminile, 4 mila bambini all’anno nelle scuole calcio estive. I ragazzi sono i terminali delle nostre iniziative: aggiornamento e formazione sono necessari”.

LE ISTITUZIONI. Massimo Giupponi, direttore generale di ATS Bergamo, gongola per l’accordo quadro stretto in anticipo rispetto ad analoghi consessi internazionali, in un 2019 in cui cade il trentennale della Convenzione Onu sui diritti dell’Infanzia: “L’accordo di luglio intendeva promuovere gli stili di vita sani, a ottobre si sono aggiunti nella stessa direzione l’Organizzazione Mondiale della Sanità e la Fifa con un protocollo ad hoc: l’utilizzo di telefonini e computer è una realtà con cui fanno i conti tutte le famiglie, una società sportiva è il fulcro e il laboratorio della proposta educativa”. Si associa il direttore di Specchio Magico Rocco Briganti: “Preveniamo maltrattamenti e abusi, questo è un partenariato strategico al livello più alto centrato sulla corresponsabilità tra educatori e famiglie. Lo slogan Fifa ‘Up to us’ è anche il nostro”. Chiosa del Vicequestore di Bergamo Marco Cadeddu: “È un’occasione per reprimere e correggere attraverso la prevenzione i casi sempre più numerosi di abusi in rete. Siamo già coinvolti nelle scuole. Nella formazione si fanno esempi pratici per far emergere il disvalore e le conseguenze di atteggiamenti spesso figli più della superficialità che di intenzioni cattive”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
magrin

Marino Magrin

Ultimo commento: "Grande Marino, ti ammiro tantissimo , non solo come giocatore, ma anche come persona. Osvaldo G."
valter bonacina

Valter Bonacina

Ultimo commento: "Un vero tifoso della Dea sa perfettamente che si chiama "V"alter !!!"
augusto scala piero fanna

Augusto Scala

Ultimo commento: "Un grande, al momento con un po di anni in meno sarebbe ideale per la DEA"

Zampagna contro il calcio moderno: “Troppo veloce, poco talento”

Ultimo commento: "Ma come poco talento?!?!?!?"

Emiliano Mondonico

Ultimo commento: "Il calcio,commentava in modo giocoso sorriso sempre in viso"

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News