Resta in contatto

News

Spagnolo: “Percassi grande uomo. Aiuteremo questa terra a rinascere, l’Atalanta ci sarà”

L’ormai storico dirigente nerazzurro ha rilasciato un’intervista a Prima Bergamo per celebrare i dieci anni di presidenza di Percassi

3 giugno: data in cui Antonio Percassi compie dieci anni da presidente nerazzurro. Roberto Spagnolo ha rilasciato a riguardo un’intervista su Prima Bergamo per parlare di questo traguardo e di altri temi atalantini: “Percassi? Un grande uomo. Ma non sono io a dirlo, sono i fatti. Sa capire e arrivare prima degli altri in qualsiasi situazione e su qualsiasi problema”.

SPAGNOLO E LA DEA. “La mia storia con i nerazzurri iniziò nel 2005, con Ivan Ruggeri. Era un impegno part-time. Prima della fine della stagione 2009/2010 avevo comunque rassegnato le dimissioni. Conoscevo Percassi perché stavo lavorando per loro al grande centro commerciale che hanno costruito in Sicilia. Quando chiuse la trattativa con i Ruggeri, Percassi mi chiamò e mi disse se ci potevamo vedere a Zingonia: era il 4 giugno 2010, da poche ore l’Atalanta aveva cambiato proprietà e io venni subito coinvolto”.

LUCA PERCASSI. “Luca è cresciuto in simbiosi col papà, finché a un certo punto il presidente ha visto che aveva capacità di manager, oltre a essere un intenditore di calcio. E gli ha dato grande spazio. Differenze tra loro? Antonio è un intenditore di calcio, ma ancora più un tifoso; Luca è più freddo, meno emotivo, ma capisce altrettanto il calcio”.

COVID. “Un po’ di delusione rimane dopo Valencia, ma la tragedia che è successa nella Bergamasca mette tutto in secondo piano. Il Covid ha portato anche tra noi tristezza e sofferenza, abbiamo perso collaboratori e familiari di dipendenti. Tutti i giorni Percassi mi diceva: “Non è possibile” e lo sentivo spegnersi. Adesso va molto meglio. Ora c’è l’occasione di aiutare questa terra a rinascere e l’Atalanta ci sarà. Stiamo pensando di dare qualcosa ai bergamaschi perché tornino, magari con le famiglie, allo stadio”.

SCARAMANZIA. “I Percassi sono molto scaramantici. Dal posto in tribuna vuoto vicino al presidente alla continua verifica della posizione in classifica (“Ma siamo salvi? Matematicamente?”), fino al fatto che da dieci anni sono io ad andare a prendere il figlio Luca a casa prima di ogni partita. Sono tutti dei riti, guai a rinunciarci”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"El Tanque" nerazzurro

German Denis

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Il Vin Diesel di Bergamo

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Non basta Boga per comporre una formazione vincente,bisogna acquistare giocatori piu' forti e veterani dalle squadre piu' forti ."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Non penso proprio: Papu era tutt'altro giocatore e più determinante."

Var e arbitri, che gran rottura. Come dovrebbe comportarsi l’Atalanta?

Ultimo commento: "Giuseppe Elia con tutto il rispetto che si merita una turca. “: VAI A CAGARE”"

SONDAGGIO – Viste le condizioni di Zapata, cosa deve fare l’Atalanta?

Ultimo commento: "Ora una parola sola .... svecchiare per ripartire con Mr. Gasperini Forza Atalanta"

Altro da News