Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pessina e l’università: “All’esame non mi avevano riconosciuto…”

Il centrocampista ex Monza racconta il suo lato scolastico

Ragazzo serio e molto applicato anche sui libri, Matteo Pessina oggi studia alla LUISS di Roma nell’ambito di un percorso dedicato a atleti sportivi e intrapreso anche da altri colleghi, tra cui Caldara e Gagliardini. A Cronache di Spogliatoio ha raccontato, in una lunga e bella lettera, il suo rapporto con il mondo dell’apprendimento.

“Sono convinto del percorso di studi che ho intrapreso. Non frequento le lezioni, chiaramente, ma mi reco in sede a Roma per svolgere gli esami. Ciò che mi piace è che sono trattato come gli altri, senza favoritismi e senza sentire che il mio cammino è facilitato grazie al mio status”. Il centrocampista racconta poi un curioso aneddoto: “Il giorno dell’esame di Statistica sono arrivato davanti alla Luiss e ho chiesto quale fosse l’aula. C’era un agente nella guardiola e mi ha chiesto il badge, altrimenti non avrebbe potuto farmi entrare. Gli ho spiegato: ‘Non ho il badge, non frequentando non mi è stato mai inviato’. Non voleva farmi entrare, non ne voleva sapere. Ho chiamato il tutor. Dopo qualche minuto è arrivato il direttore, tutto trafelato, e la sbarra si è alzata. La guardia era imbarazzatissima per non avermi conosciuto, mi è dispiaciuto tantissimo perché è una cosa normale. Se non ti piace il calcio non c’è niente di male, ma è stato davvero bizzarro. Un momento di pura normalità che avrebbe potuto riguardare qualsiasi mio coetaneo”.

Racconta di essersi: “Conquistato il mio posto nel calcio un mattoncino alla volta. Da ragazzo non volevo farmi vedere in giro, non mi piace apparire. Così mi sono affermato, come uomo e come calciatore. Gli insegnanti del primo liceo che ho frequentato ora scrivono a mia nonna. Hanno capito che facevo bene a inseguire il mio sogno di diventare calciatore. Che valeva la pena saltare mezzora di lezione per andare a allenarmi mangiando un panino in macchina. Mi ripetevano che uno su mille ce la fa. Eccomi!”

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News