Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Atalanta Mozzanica, decidono il dischetto e Giacinti: 2-1 Brescia

Mozzanica – Tra le ex di turno Lisa Alborghetti e Valentina Giacinti è tutta questione di rigore. Quello sbagliato dalla bergamasca per il possibile raddoppio e quello procurato per il pari della bergamaschissima portacolori del Brescia, che in capo a un tris di cronometro la decide in prima persona senza esultare ribaltando lo score. Un derby spettacolare quanto stregato per l’Atalanta Mozzanica, che fra le mura amiche s’illude del colpaccio contro la seconda in classifica (resta a meno tre dalla Juve che le aveva rifilato il poker a domicilio) restando a quota 12 insieme alla Fiorentina, a sua volta sconfitta dalle Zebre.

Si chiude dunque a tre la serie di bottini pieni di fila delle Garavaglia-girls, che come un gatto sornione hanno opposto alle quotate Rondinelle una tattica attendista per metà gara per poi colpire per vie centrali. Senza affondare quando ne avrebbero avuta l’opportunità, però. Sbaglio letale, contro una squadra dal tasso tennico innegabilmente superiore. Pronti via, allo start Daleszczyk innesca proprio l’attaccante che qui ha moltissimi estimatori e anche (per poco) le polveri bagnate, perché da posizione favorevole in piena area sferra un diagonale incapace di superare Thalmann. Al 6′ risponde Stracchi dal limite calciando alle stelle dopo un’azione manovrata, al 20′ ancora la mezzala polacca dal piede rotondo rientra sul destro dal vertice mancino e al portiere nerazzurro non rimane che sventare la minaccia accompagnando la palla a mano chiusa in fallo di fondo.

Pochino nel resto della prima frazione: torsione di testa di Girelli (28′) a lato sullo spiovente dalla bandierina sempre della polacca, destro di Tomaselli deviato dalla difesa (32′) e a tiro della pausa tempestiva uscita di Ceasar per anticipare le intenzioni di Carolina Mendes. In avvio di ripresa le nerazzurre (in kit bianco al cospetto dell’all in black dell’Oltre Oglio) producono un forcing spietato e all’ottavo Pirone inventa un filtrante capolavoro per il pallonetto del vantaggio di Monterubbiano. Due giri di lancetta e Fusetti aggancia la stessa ala appena dentro il lato destro dell’area, ma dagli undici metri le pie intenzioni di Lisa sono capite e rintuzzata da una Ceasar monumentale. Le bresciane spingono e al 17′ sulla punizione dalla destra di Giugliano c’è la nuova svettata di Girelli poco sopra la traversa.

E Valentina l’ex al veleno ma non troppo può fare le prove generali alla mezzora, mettendo fuori in bicicletta il traversone da destra della compagna di reparto. Un paio di minuti alla beffa number one, con Piacezzi a stendere la medesima e Girelli implacabile nell’insaccare il penalty a mezz’altezza alla sinistra dell’estremo baluardo di casa. Niente da fare pure su uno degli ultimi assalti, nonostante una fiera resistenza e la panchina cortissima (entra solo Andrea Scarpellini, veterana classe ’89), quando sul lancio di Giugliano lo slalom e il tocco sotto di Giacinti non lasciano scampo alle vecchie compagne. Dopo otto giornate settebello di successi per le donne di Gianpietro Piovani, mentre per le ragazze della presidentissima Ilaria Sarsilli i 4 ko pareggiano altrettante vittorie.

Atalanta Mozzanica – Brescia Calcio Femminile 1-2 (0-0)
ATALANTA MOZZANICA (4-3-3): Thalmann; Rizza, Piacezzi, Ledri, Motta; Stracchi, Re, Alborghetti; Monterubbiano (39′ st Scarpellini), Mendes, Pirone. A disp.: Salvi, Pellegrinelli, Baldi, Rizzon, Fusar Poli. All.: Garavaglia.
BRESCIA CF (3-5-2): Ceasar; Pettenuzzo (25′ st Di Criscio), Fusetti, Hendrix; Sikora, Tomaselli (1′ st Sabatino), Giugliano, Daleszczyk, Heroum (1′ st Bergamaschi); Giacinti, Girelli. A disp.: Zanzi, Bocchi, Cacciamali, Ghisi. All.: Piovani.
Arbitro: Djurdjevic di Trieste.
RETI: 8′ st Monterubbiano (AM), 32′ st rig. Girelli (B), 35′ st Giacinti (B).
Note: giornata fredda e soleggiata, terreno in discrete condizioni. Spettatori 450. Ceaasar para un rigore ad Alborghetti al 12′ st. Ammonite Sikora per gioco scorretto e Pirone per comportamento non regolamentare. Corner 4-10, recupero 0′ e 3′.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News