Resta in contatto

News

La Roma sbanca Napoli: Juve a 1 punto

Da una parte Dybala la mette in cassaforte tarpando le ali all’Aquila biancoceleste, dall’altra Ünder, uno Dzeko da bis e Perotti zittiscono Insigne senza che Mertens riesca a segnare più del gol della bandiera nel finale. Un punto sotto e con una partita da recuperare (il 14 marzo), quella casalinga con l’Atalanta rinviata per neve domenica scorsa, per la Juventus che grazie alla Roma resta a contatto di un Napoli sconfitto in casa: questi gli esiti dell’anticipo dell’aperitivo e quello serale del sabato di campionato.

All’Olimpico decide la Joya al terzo di recupero facendosi largo tra Luiz Felipe e Parolo, ma prima non era successo granché. Al 6′ incrocio sospetto in area tra Lucas Leiva e l’argentino, poi Mandzukic svetta senza trovare lo specchio. Al 20′ Milinkivic-Savic impegna Buffon svettando sul cross di Luis Alberto dalla destra, a dieci dalla pausa diagonale di Khedira deviato in fallo di fondo. Al rientro dal tunnel Allegri mette Douglas costa per Lichtsteiner virando al 4-3-3: i capitolini reclamano un fallo da rigore di Benatia sul loro playmaker nella parte stavolta della vittima (17′), doppia mossa Anderson-Luis Alberto e Alex Sandro-Mandzukic (poi Caicedo-Immobile e Murgia-Lulic) senza esito e infine la perla del fuoriclasse.

Vecchia Signora che sale a 68 (meno 1 dai partenopei), Lazio scavalcata (53 a 52) al terzo posto dai rivali cittadini (con l’Inter che deve giocare il derby), autori di una prova monstre al “San Paolo”. A Insigne, che apre le ostilità al 6′ sull’asse Zielinski-Mario Rui, risponde subito il turco, che riceve da Nainggolan trovando la deviazione decisiva del terzino portoghese. Al 26′ il sorpasso del bosniaco, che prende l’ascensore sul traversone di Florenzi e chiude la pratica al 28′ della ripresa con un sinistro nell’angolino su imbeccata di Kolarov, dopo il pari sfiorato dai padroni di casa al 14′ con il palo di Callejon direttamente dalla bandierina e l’assolo dell’apripista fuori di poco al 21′. A dilatare lo score ci pensa l’argentino a 11 dal novantesimo ponendo l’incertezza ancora di Rui su una nuova palla in mezzo del serbo. Una cinquina di cronometro e la punizione a due dentro l’area (retropassaggio di Pellegrini per Alisson, che raccoglie con le mani) viene salvata sulla linea da Florenzi. Il belga salva parzialmente la faccia ai Ciucci con una rasoiata angolatissima dal limite al 2′ di recupero.

I TABELLINI
Lazio-Juventus 0-1 (93′ Dybala)
LAZIO (3-5-1-1): Strakosha; Luiz Felipe, de Vrij, Radu; Lulic (45′ st Murgia), Parolo, Leiva, Milinkovic, Lukaku; Luis Alberto (25′ st Felipe Anderson); Immobile (34′ st Caicedo). A disp.: Guerrieri, Vargic, Bastos, Wallace, Patric, Crecco, Jordao, Nani. All.: S. Inzaghi.
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Benatia, Rugani, Barzagli; Lichtsteiner (12′ st Douglas Costa), Khedira, Pjanic, Matuidi, Asamoah; Dybala (50′ st Chiellini), Mandzukic (27′ st Alex Sandro). A disp.: Szczesny, Del Favero, Howedes, Sturaro, Bentancur, Marchisio. All.: Allegri.
Arbitro: Banti di Livorno.
Note: ammoniti Luis Alberto, Luiz Felipe, Lulic (L); Lichtsteiner, Alex Sandro (J). Corner 4-4, recupero 2′ e 5′.

Napoli-Roma 2-4 (6′ Insigne, 7′ Ünder, 26′ e 73′ Dzeko, 79′ Perotti, 92′ Mertens)
NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho (30′ st Milik), Zielinski (20′ st Hamsik); Callejon, Mertens, Insigne. A disp.: Rafael, Sepe, Maggio, Milic, Machach, Rog, Ounas, Diawara, Tonelli. All.: Sarri.
ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Nainggola, De Rossi (43′ st El Shaarawy), Strootman; Ünder (27′ st Gerson), Dzeko, Perotti (35′ st Pellegrini). A disp.: Lobont, Skorupski, Juan Jesus, Capradossi, Schick, Gonalons, Defrel, Bruno Peres, Jonathan Silva. All.: Di Francesco.
Arbitro: Massa di Imperia.
Note: ammoniti Mertens, Fazio e Dzeko. Corner 9-2, recupero 0′ e 4′.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News