Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Il rammarico di Gasperini: “A tratti meglio della Juve”

Gasperini

Il tecnico atalantino soddisfatto della prova dei suoi, anche se punta il dito sulla fase difensiva: “Dietro non siamo così forti, ma in estate lo sapevamo”

“Su queste situazioni da angolo e in generale da fermo abbiamo perso dei punti, siamo un po’ più fragili rispetto al passato nella fase difensiva ma questo lo sapevamo già in estate. Però segniamo anche parecchio”. Gian Piero Gasperini esprime rammarico per il 2-2 con la Juventus che considera una mancata vittoria: “A tratti abbiamo giocato meglio della capolista, continuando ad attaccare per provare a chiuderla in superiorità numerica”, ha affermato l’allenatore dell’Atalanta.

FERMATA LA PIU’ FORTE. “In partite del genere rischi di prendere imbarcate, invece la squadra ha costruito gioco. La Juventus risolve spesso le circostanze difficili buttando in area gente di stazza sulle palle inattive. La vittoria era vicinissima, forse un po’ di coraggio nel finale non avrebbe guastato”.

LA DEA SULL’OLIMPO. “Avevamo iniziato male con l’autorete su un cross sporco, poi anche dietro abbiamo trovato le distanze giuste. A tratti abbiamo giocato alla pari e anche meglio. Sul 2-1 in superiorità numerica abbiamo provato a chiuderla: resta il rammarico per non aver vinto, ma soprattutto la prestazione di alto livello contro uno squadrone”.

I CAMBI E IL PAPU. “La Juve ne teneva due in mezzo, quindi ho messo Gosens per Pasalic per coprire più le fasce. Poi per Ilicic è entrato Pessina che è più di ruolo rispetto a Pasalic. Gomez ha giocato da centrocampista, il sacrificio è ben altra cosa. Offensivo, ma centrocampista. Ha dato il passaggio dell’1-1 a Zapata, si è proposto e contro una Juve molto offensiva ha partecipato alla fase difensiva. Nei minuti conclusivi l’ho riportato davanti perché ormai non aveva più senso contenere. La miglior partita del Papu in quel ruolo, anche per qualità”.

IL GRANDE ESCLUSO. Rigoni l’ho lasciato fuori dai convocati per scelta tecnica. Non è rientrato nei piani tecnici della squadra dopo aver avuto un piccolo problema”.

L’ALTALENA. “Non è che se fai bene con la Juve significa che sei migliore di tutte le altre. Su campi come Empoli e Genova abbiamo perso contro squadre comunque competitive e un po’ strane: se la gara prende pieghe diverse e impreviste, non siamo così bravi a tenere il risultato”.

IL PARALLELO. “La Juve ha perso punti col Genoa con un gol preso nel finale, oggi invece è stato un confronto del tutto diverso perché siamo andati molto vicini al bottino pieno”.

25 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

25 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News