Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Salvini: “San Siro a porte chiuse un bel segnale, combattiamo questi fenomeni”

salvini

Il Ministro scrive alla Gazzetta Dello Sport in merito agli ultimi episodi di razzismo e violenza in Serie A

In una lettera aperta alla rosea il ministro dell’interno Matteo Salvini parla degli ultimi episodi di violenza e razzismo che hanno coinvolto il massimo campionato italiano. Eccone un estratto:

 

“Egregio direttore,
scrivo per fare il punto dopo i fatti di Inter-Napoli e archiviata la 19a giornata di campionato di Serie A: purtroppo c’è stata una sassaiola contro un pullman di tifosi del Torino.

Lo ribadisco: tolleranza zero con i delinquenti, ma sono nettamente contrario alla chiusura degli stadi o di alcuni settori. E non mi convincono neppure i divieti alle trasferte. La responsabilità è sempre personale: non concepisco l’idea di punire tutti gli appassionati, senza distinzioni. Anche perché i violenti sono una sparuta minoranza. Il mio impegno è portare legalità e rispetto, con la speranza di riempire le tribune e non di svuotarle. Mi piace immaginare gli spalti zeppi di famiglie e bambini, magari già a partire dalle prossime partite che prevedono San Siro a porte chiuse: Regione Lombardia ne sta parlando con il presidente del Csi di Milano. Sarebbe un bel segnale.

Estirpare violenti e balordi non sarà facile, ma mi piacciono le sfide. Il 7 gennaio ho convocato al Viminale l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive (con me ci sarà il sottosegretario con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti). L’idea è coinvolgere tutti gli attori. Società, allenatori, calciatori, giornalisti, tifosi indicati dai club. Non è escluso venga anche un rappresentante della Fifa. Dobbiamo guardare agli esempi virtuosi che arrivano dall’estero, magari dando più poteri di intervento agli steward, correggendo le norme per dare più incisività alle Forze dell’Ordine, responsabilizzando le società. Nel Decreto Sicurezza (convertito in legge) abbiamo già previsto che i club coprano una parte dei costi sostenuti dallo Stato per garantire la sicurezza: più di 30 milioni l’anno di soldi pubblici.

(…) Sono ministro ma anche tifoso: ho girato per gli stadi di mezza Italia, per questo sono sorpreso da chi chiacchiera senza aver mai messo piede in una curva. Leggo con attenzione anche la posizione della Uefa, ovviamente, anche se non la condivido. 

(…) Peraltro, tanto per essere più chiari, vorrei un campione come Koulibaly nel mio Milan. Poi, certo, a proposito di calcio c’è da fare un discorso più ampio. Vogliamo cambiare il rapporto tra questo sport e il business delle tv. Il nostro governo, che ci piace definire del buonsenso, intende aiutare le società che investono nei settori giovanili e nei vivai. L’obiettivo è valorizzare i giovani talenti italiani, così da rafforzare anche i nostri club e la nazionale”

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News