Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Champions contro salvezza: il posticipo dei sogni

I nerazzurri hanno l’obbligo di provarci, anche perché superando l’ostacolo del giovedì sera si porterebbero a meno 1 dal Milan quarto

La strada dei sogni Champions dell’Atalanta passa dal colpo ai sogni del Bologna di riprendere all’Empoli il quartultimo posto che significa salvezza. I risultati del resto del programma dell’undicesima giornata di ritorno della serie A, argomenta L’Eco di Bergamo, obbligano la squadra di Gian Piero Gasperini a crederci: pari di Milan (52) e Roma (48), Lazio (48, 1 partita in meno, con l’Udinese) sconfitta a Ferrara. Il quarto posto, occupato dai rossoneri e valido per l’ultimo ticket per la sorella maggiore delle coppe, in caso di bottino pieno sarebbe a una sola lunghezza.

MIHA CI PROVA. Sinisa Mihajlovic ha cambiato fisionomia ai rossoblù, che sanno proporre calcio. Prendere il pallino delle operazioni, però, contro i nerazzurri aumenterebbe il rischio di perdere: la speranza sarebbe imitare il Chievo rendendosi ostici da affrontare, perché la squadra bergamasca dice la sua soprattutto contro chi gioca a viso aperto. 4-2-3-1 o 4-3-3 con un play basso che controlli il Papu Gomez le ipotesi di modulo.

IL PESO DEL TRITTICO. Un minimo di turnover è da aspettarsi, perché la conclusione del trittico settimanale è nei pensieri di ambo le contendenti. Domenica Inter-Atalanta, lunedì Bologna-Chievo conoscendo già l’esito di Udinese-Empoli.

I NUMERI IMPARI. Dea dietro gli emiliani solo nei chilometri percorsi: sesti contro secondi dopo i Mussi. Negli scontri diretti, poco da dire: bergamaschi vittoriosi negli ultimi sei e sconfitti in casa una volta nelle ultime ventisette. Il Bologna, reduce da 3 successi in serie, non arriva a 4 dal maggio ’67; di contro, i locali nell’anno nuovo hanno fatto 20 punti segnando 21 gol, secondi solo alla Juve (25 e 22).

LO SPAURACCHIO. Lo spaventapasseri bolognese è il Trenza Palacio, che ha realizzato in trasferta gli ultimi otto gol e all’Atalanta ne ha infilati tre, gli ultimi due a Bergamo. Josip Ilicic, invece, è l’arma in più per il Gasp: 5 gol all’avversario di stasera (6 col Chievo, il più impallinato) e a segno nelle ultime due gare interne (a tre solo nel 2013 al Palermo).

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da News