Resta in contatto

News

Champions contro salvezza: il posticipo dei sogni

I nerazzurri hanno l’obbligo di provarci, anche perché superando l’ostacolo del giovedì sera si porterebbero a meno 1 dal Milan quarto

La strada dei sogni Champions dell’Atalanta passa dal colpo ai sogni del Bologna di riprendere all’Empoli il quartultimo posto che significa salvezza. I risultati del resto del programma dell’undicesima giornata di ritorno della serie A, argomenta L’Eco di Bergamo, obbligano la squadra di Gian Piero Gasperini a crederci: pari di Milan (52) e Roma (48), Lazio (48, 1 partita in meno, con l’Udinese) sconfitta a Ferrara. Il quarto posto, occupato dai rossoneri e valido per l’ultimo ticket per la sorella maggiore delle coppe, in caso di bottino pieno sarebbe a una sola lunghezza.

MIHA CI PROVA. Sinisa Mihajlovic ha cambiato fisionomia ai rossoblù, che sanno proporre calcio. Prendere il pallino delle operazioni, però, contro i nerazzurri aumenterebbe il rischio di perdere: la speranza sarebbe imitare il Chievo rendendosi ostici da affrontare, perché la squadra bergamasca dice la sua soprattutto contro chi gioca a viso aperto. 4-2-3-1 o 4-3-3 con un play basso che controlli il Papu Gomez le ipotesi di modulo.

IL PESO DEL TRITTICO. Un minimo di turnover è da aspettarsi, perché la conclusione del trittico settimanale è nei pensieri di ambo le contendenti. Domenica Inter-Atalanta, lunedì Bologna-Chievo conoscendo già l’esito di Udinese-Empoli.

I NUMERI IMPARI. Dea dietro gli emiliani solo nei chilometri percorsi: sesti contro secondi dopo i Mussi. Negli scontri diretti, poco da dire: bergamaschi vittoriosi negli ultimi sei e sconfitti in casa una volta nelle ultime ventisette. Il Bologna, reduce da 3 successi in serie, non arriva a 4 dal maggio ’67; di contro, i locali nell’anno nuovo hanno fatto 20 punti segnando 21 gol, secondi solo alla Juve (25 e 22).

LO SPAURACCHIO. Lo spaventapasseri bolognese è il Trenza Palacio, che ha realizzato in trasferta gli ultimi otto gol e all’Atalanta ne ha infilati tre, gli ultimi due a Bergamo. Josip Ilicic, invece, è l’arma in più per il Gasp: 5 gol all’avversario di stasera (6 col Chievo, il più impallinato) e a segno nelle ultime due gare interne (a tre solo nel 2013 al Palermo).

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement

Sondaggio: Ilicic o Malinovskyi, chi vorreste davanti con Zapata?

Ultimo commento: "Sarei più propenso a rinunciare a Ilicic, nonostante lo ritenga un fuoriclasse, quando è in palla. ..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Il giocatore non si discute... classico profilo adatto alle nostre esigenze, potenzialità mai espresse a pieno. Boga, la Dea e Gasp... un mix..."
Atalanta

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Ultimo commento: "A mio avviso la responsabilità si deve a tanti fattori, non uno o due.. all'inesperienza di Demiral e Musso in ambito Atalanta, e che non è poco....."
miranchuk

Cosa fare con Miranchuk? Ecco il risultato del sondaggio

Ultimo commento: "Esatto sono tutti allenatori e critici Giusto sostenerlo,questo è forte vedrete,poi si gioca in 11 più i cambi,entra fa vedere la sua classe e si..."

Altro da News