Resta in contatto

Approfondimenti

La volata di 10 giornate: Atalanta, occhio agli ostacoli del calendario

Due turni infrasettimanali, la finalissima di Coppa Italia tra penultima e ultima giornata, gli scontri diretti: nelle ultime 10 è un calendario a ostacoli

Una volata lunga 10 giornate. Col pericolo di inciampare. Due turni infrasettimanali, tre scontri diretti, altrettanti contro squadre medio-piccole virtualmente non in pericolo, un paio contro chi avrà verosimilmente ancora bisogno di punti, uno contro una compagine che l’Europa la vedrà suo malgrado col binocolo salvo miracoli e un altro con una disperata. Il calendario dell’Atalanta nel post pausa per le Nazionali riserva non pochi ostacoli lungo il cammino verso la terza qualificazione di fila alla Champions League.

LA VOLATA DEL CALENDARIO. Aprile, per esempio, proprio al rientro dalle fatiche dei famosi 12 moschettieri si apre e si chiude con due avversari, l’Udinese e il Bologna, ormai al riparo da rischi d’invischiamento nelle zone bassissime della classifica ma pur sempre capaci, a campi invertiti, di strappare ai nerazzurri il punto che non ti saresti aspettato nel girone d’andata. Tanto basta a qualificare l’una e l’altro come ostacoli. La Fiorentina da affrontare al “Franchi”, a sua volta, avrà bisogno di solidificare la certezza della permanenza nella massima serie. I bianconeri da ricevere a Bergamo, invece, dove si giocheranno tre delle cinque partite del mese prossimo, a oggi (ma col match in meno col Napoli da recuperare) sono una concorrente, a pari punti (55). E forse risulteranno i più giocabili del lotto, con le difficoltà che attraversano ormai da tempo. La Roma lanciatissima in EL no, anche perché si deve andare all’Olimpico e per di più nell’infrasettimanale.

LE ULTIME 5 DELLE 10: IL NODO COPPA ITALIA. Maggio si apre al Mapei Stadium col Sassuolo del brescianissimo Roberto De Zerbi, deluso cronico da astinenza da quell’Europa che gettando uno sguardo all’organico non dovrebbe nemmeno essere una chimera. Seconda di fila in trasferta lungo la via Emilia al “Tardini” di Parma, contro un Roberto D’Aversa (sempre che non lo caccino prima…) all’ennesima ultima spiaggia. Quindi il mercoledì (salvo rettifiche da spezzatino tv) col Benevento di Superpippo, magari già salvo a quel punto, e il finale complicato dalla finalissima di Coppa Italia con la Juve il 19 maggio (a Roma, si suppone), altro infrasettimanale: a Marassi col Genoa e col Milan in casa. Va’ a sapere come andrà a finire. Ma comunque, sulla carta, sarà duretta.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

Prima capitano, poi autentica bandiera nerazzurra

Gianpaolo Bellini

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Advertisement
Piccoli Genoa

Dentro uno, fuori tre: il calciomercato d’inverno va bene così?

Ultimo commento: "Romero era obbligo se non sbaglio!! Gollo lo rivendi in italia magari non prenderai i 18-19 che dovevano darti gli inglesi ma a 13-15 lo vendi..."

Sondaggio: Ilicic o Malinovskyi, chi vorreste davanti con Zapata?

Ultimo commento: "Sarei più propenso a rinunciare a Ilicic, nonostante lo ritenga un fuoriclasse, quando è in palla. ..."

“Con Boga è arrivato il dopo Papu?”, il nostro sondaggio

Ultimo commento: "Il giocatore non si discute... classico profilo adatto alle nostre esigenze, potenzialità mai espresse a pieno. Boga, la Dea e Gasp... un mix..."
Atalanta

La difesa, Demiral, Gasperini. Di chi la responsabilità dell’eliminazione dalla Champions?

Ultimo commento: "A mio avviso la responsabilità si deve a tanti fattori, non uno o due.. all'inesperienza di Demiral e Musso in ambito Atalanta, e che non è poco....."
miranchuk

Cosa fare con Miranchuk? Ecco il risultato del sondaggio

Ultimo commento: "Esatto sono tutti allenatori e critici Giusto sostenerlo,questo è forte vedrete,poi si gioca in 11 più i cambi,entra fa vedere la sua classe e si..."

Altro da Approfondimenti