Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Bacheca del Tifoso

Un quarto di secolo senza Chicco Pisani e Ale Midali

chicco pisani

L’Atalanta commemora come ogni anno la ricorrenza della scomparsa della coppia atalantina finita in Paradiso troppo presto: il 12 febbraio ’97 ci lasciavano Pisani e fidanzata

Uno schianto in BMW dopo ore liete, sul pilone della Milano-Laghi, da promessi sposi. Lui un’aletta-seconda punta rapidissima, che da quel tragico schianto può dribblare e andare in gol solo tra le nuvole. Lei, semplicemente, la sua metà, il suo cordone ombelicale con Bergamo che nemmeno la morte è riuscito a spezzare. Nel venticinquesimo anniversario della tragica fine di Chicco (Federico) Pisani e Ale(ssandra) Midali, l’Atalanta onora come sempre il ricordo dell’attaccante e della sua fidanzata, periti nelle primissime ore del mattino del 12 febbraio 1997.

CHICCO E ALE, UN QUARTO DI SECOLO. “Coloro che ci hanno lasciati non sono degli assenti, sono solo degli invisibili: tengono i loro occhi pieni di gloria puntati nei nostri pieni di lacrime”, recita la rituale citazione da Sant’Agostino sui canali ufficiali del club. Un futuro radioso lasciato alle spalle dalla felice coppia nerazzurra, di ritorno dalla festa di Carnevale al casinò di Campione d’Italia. “Il vostro ricordo è indelebile… Chicco e Ale siete sempre insieme a noi – si legge nella nota sul sito del club bergamasco -. Il Presidente Antonio Percassi e tutta la famiglia Atalanta vi ricordano con grande commozione ed affetto”.

CHI ERA CHICCO PISANI. Pisani, nato a Castelnuovo Garfagnana il 25 luglio 1974, originario di Capannori e sepolto a Poggio di Camporgiano, il paese dei nonni materni, aveva avuto come rampa di lancio la società satellite del Margine Coperta per poi vincere titolo Primavera e Viareggio Cup nel ’93 sotto Cesare Prandelli. Esordiente in A diciassettenne (Cagliari-Atalanta 0-0, 15 marzo 1992) con Bruno Giorgi, giocò anche con Marcello Lippi e dopo il prestito al Monza con Emiliano Mondonico per promozione dalla serie B più 72 presenze e 7 reti tra campionato e Coppa Italia.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI NEROAZZURRI

Un bergamasco tutto d'un pezzo, Angelo "Domingo" Domenghini

Angelo Domenghini

Bergamasco DOC e tifoso atalantino

Cristian Raimondi

Il goleador della storia atalantina

Cristiano Doni

Il "Mondo", l'amico di tutti

Emiliano Mondonico

"EL TANQUE" NERAZZURRO

German Denis

PRIMA CAPITANO, POI AUTENTICA BANDIERA NERAZZURRA

Gianpaolo Bellini

IL "VIN DIESEL" DI BERGAMO

Giulio Migliaccio

Uno dei 7 capitani storici, per lui 8 stagioni con l'Atalanta di altissimo livello

Glenn Stromberg

Il goleador della storia atalantina

Riccardo Zampagna

Advertisement

Altro da Bacheca del Tifoso